La festa "fantasma" per i Giochi de le Porte (annullati). Il sindaco spiega le ordinanze: tre giorni da bollino rosso

Le sanzioni: si rischia da 400 euro a 3mila euro di multa. I locali rischiano anche la chiusura di 5 giorni

Le critiche ci sono e rimbombano sui social. Ma il sindaco Massimiliano Presciutti non cambia idea, anzi non cambia una virgola delle tre ordinanze concertate con il comandante della Municipale Gianluca Bertoldi e la sua Giunta per evitare assembramenti, ubriachi e feste in luogo pubblico nei tre giorni dei Giochi de le Porte, il palio annullato ma che come un fantasma aleggia in città e tra i portaioli che si dovranno accontentare, come sostitutivo di una luminaria sulla Rocca - venerdì sera - con i colori delle Porte, come annunciata dalla Presidente dell'Ente Frappini. A poche decine di chilometri, a Gubbio, va in scena in tutta sicurezza e con il sold out il Festival del Medievo con i suoi appuntamenti culturali. Tre giorni - 25, 26, 27 sttembre - dunque con il bollino rosso anche alla luce di un primo contagiato, post vacanze, in città.

L'APPELLO DELLA PRESIDENTE DELL'ENTE E LA RICHIESTA DI STOP ALLE CRITICHE

Il sindaco è stato chiaro: "In tutta Italia ci sono dei focolai per via dei comportamenti irregolari. Sabato sera con l'apertura delle Taverne abbiamo notato troppe persone all'esterno senza mascherine, senza rispetto. Mentre nelle taverne sono state rispettate tutte le regole sanitarie. Non essendoci un senso civico e un senso della gravità della situazione diffusi, allora dobbiamo mettere delle regole per il bene di tutti: la salute e l'economia - una eventuale zona rossa sarebbe drammatica ndr - vengono prima di tutto. E poi non c'è niente da festeggiare questo fine settimana: l'Ente, in maniera autonoma, ha deciso che il Palio non si fa. Unica deroga: venerdì sera i priori e l'Ente accenderanno le luci sulla Rocca. Un'ora di deroga".

Cambiotti: "Regole poco comprensibili. Come sempre pagano cittadini e commercianti"

Presciutti è consapevole delle polemiche: "Ma non ho nessuna intenzione di rispondere, di entrare nel tiro al bersaglio sui social". Le ordinanze vanno tradotte nello specifico della realtà gualdese, dei Giochi: vietate le tradizionali merende sui vicoli, all'interno delle taverne e sulle stalle delle Porte. In privato non ci saranno controlli: ma valgono le regole del distanziamento, mascherina e buon senso. I bar potranno vendere alcolici e super-alcolici ma solo fino alle 1 della notte. Nessun asporto o vendita di una bottiglia. Mentre nei tre giorni i negozi e supermercati non potranno vendere alcolici. "Ho letto di persone che andranno a fare spesa fuori dal comune. Forse non hanno capito: non fanno un dispetto al sindaco, ma rischiano di mettere a riscio la loro salute e quella degli altri. Lancio un appello: massimo rispetto delle regole anche perchè i controlli ci saranno e saranno capillari. Non si scherza".

Le sanzioni: si rischia da 400 euro a 3mila euro di multa. I locali rischiano anche la chiusura di 5 giorni. Alla conferenza erano presenti anche i rappresentanti della Giunta: il vice sindaco Pasquarelli, l'assessore alla cultura Barbara Bucari e la presidente dell'Ente Cinzia Frappini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento