Cronaca

Coronavirus, in montagna con lo slittino per godersi la nevicata di primavera, denunciati

I carabinieri hanno fermato due auto che stavano raggiungendo una località di montagna dopo la copiosa nevicata della mattina

Succede anche questo nonostante denunce, rischio di andare in carcere fino a 3 mesi e soprattutto sfidando un virus che uccide e in maniera brutale togliendo il fiato, l'aria vitale. Ma alcune persone, complice la nevicata di primavera che si è abbattuta sull'appennino umbro marchigiano, hanno pensato bene di andare a divertirsi in montagna, armati di tuta da sci e slittino. Come se tutto fosse normale, come se gli ospedali fossero vuoti. Un po' di neve, tanto divertimento, tanto non si lavora. Ma sulla strada per la montagna hanno scoperto la dura realtà che la stragrande maggioranza dei cittadini, con paura e sacrifici, sta affrontando tutti i giorni. I carabinieri li hanno fermati e denunciati e rispediti diretti a casa con tanto di slittino. Il tutto è accaduto a Gualdo Tadino. Ci sarà tempo per ritornare a godersi la montagna, ma non adesso. Purtroppo. Come ha ricordato sindaco Massimiliano Presciuti che invita tutti a stare a casa, pensando prima di tutto alla salute.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in montagna con lo slittino per godersi la nevicata di primavera, denunciati

PerugiaToday è in caricamento