rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Non rimuovono un frammento metallico di una precedente operazione, medici condannati a risarcire

Secondo i giudici del Tribunale civile di Perugia erano a conoscenza della cosa e dovevano prevedere che avrebbe creato problemi al paziente

I medici non rimuovono una placca di metallo, frutto di un’operazione precedente, ben visibile tramite gli esami radiologici. Per questo il Tribunale civile di Perugia ne ha riconosciuto la responsabilità medica e stabilito il diritto al risarcimento.

I giudici perugini, in tema di responsabilità medica della equipe chirurgica, hanno ritenuto che “il singolo sanitario deve prestare la propria opera, servendosi quantomeno delle comuni conoscenze scientifiche del professionista medio, affinché sia raggiunto il fine ultimo dell’operazione, altresì cooperando con gli altri membri del gruppo”.

Il personale medico che opera, quindi, “deve conoscere l’intera cartella clinica del paziente del caso, quindi valutare le operazioni a cui è stato sottoposto in precedenza, sincerarsi che siano state effettuate correttamente e, in caso contrario, ove rientri nelle proprie competenze specialistiche, porvi rimedio”.

Cosa che non sarebbe accaduto nel caso portato all’attenzione dei medici che “avendo conoscenza della situazione pregressa del paziente, potevano e dovevano prevedere che il frammento metallico che si proiettava in sede paracondiloidea mediale, spostandosi, avrebbe potuto causare complicazioni aggiuntive al paziente, efficacemente evitabili se si fosse provveduto a rimuovere tale corpo estraneo, radiologicamente evidente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non rimuovono un frammento metallico di una precedente operazione, medici condannati a risarcire

PerugiaToday è in caricamento