menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendenti provinciali ritrovano e consegnano portafoglio rubato ad un anziano

Al momento della riconsegna a casa l’anziano è scoppiato in lacrime ed ha ringraziato i dipendenti della Provincia autori di questo bel gesto

Belle storie ai tempi del Coronavirus e dell’emergenza che tutto il paese da mesi sta vivendo. Storie di senso civico, altruismo e solidarietà che rendono merito anche a coloro che ogni giorno lavorano nel settore pubblico. Ieri il signor, Settimio Nardi, tifernate di 80 anni che risiede in un popoloso quartiere della città, fra incredulità e commozione, si è visto recapitare, in tutta sicurezza, direttamente casa il proprio portafoglio che qualcuno lo aveva prelevato all’interno di un marsupio che aveva lasciato dentro la propria auto e dopo essersi accorto che non c’erano i soldi ma soltanto i documenti ha pensato bene di disfarsene e di gettarlo ai lati della strada Sp 106 della Baucca.

Qualche giorno dopo i dipendenti provinciali del servizio “Sistema informativo stradale topografico e geologico”, nel corso di una serie di rilievi sulla strada, nei pressi di un ponte, lo hanno trovato ancora integro con all’interno patente e carta d’identità. Dalle generalità dei
documenti sono dunque risaliti al legittimo proprietario il Signor Nardi di Città di Castello. 

Il geometra, Lanfranco Ghiani, del servizio progettazione viaria e polizia stradale della Provincia, si è subito messo in contatto telefonico con il pensionato di Citta’ di Castello, e dopo aver costato l’impossibilità  di raggiungere Perugia per riprendere il portafoglio, non c’ha pensato due volte provvedendo a restituirlo direttamente al proprio domicilio. 

Con le lacrime agli occhi il Nardi ha ringraziato la Provincia di Perugia per averglielo recapitato: “rifare i documenti per me sarebbe stato un vero problema. Grazie a lei e ai suoi colleghi”. “Quelle lacrime mi ha colpito particolarmente, un fatto cosi’ toccante non mi era mai accaduto: abbiamo fatto soltanto il nostro dovere”: ha commentato il Geometra Ghiani. 

Il presidente Luciano Bacchetta, nella duplice veste di Presidente della Provincia di Perugia e sindaco di Città di Castello e la consigliera delegata alla Viabilità, Erika Borghesi, hanno sottolineato con soddisfazione e orgoglio questa bella notizia “che rende merito ai dipendenti della Provincia che hanno compiuto un bel gesto di solidarietà e altruismo facendo ritrovare il sorriso a un nostro cittadino. In questo periodo in cui il paese fronteggia emergenze importanti – hanno concluso  Bacchetta e Borghesi - questo è il segno di una solidarietà ancora viva e sana”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento