L'allarme del Circolo Ponte d'Oddi: "La chiusura del supermercato una mazzata per il quartiere"

Appello al sindaco di Perugia: "Mettere al centro dell'attenzione le zone periferiche, che non possono diventare dormitori privi di ogni risorsa"

C'è un'emergenza economica strettamente legata a quella sanitaria, con diverse attività commerciali colpite dai danni collaterali provocati dal Coronavirus, ma che arriva comunque da lontano. Un fenomeno, quello della chiusura dei negozi, che a Perugia non riguarda solamente il centro storico ma anche le periferie, come denuncia il Circolo Arci Ponte d'Oddi che esprime la propria "preoccupazione per quello che sta avvenendo nel quartiere di Ponte d’Oddi, non ultimo l’annunciata chiusura del Supermercato Gala. Una chiusura che mette in difficoltà quelle rimaste che ora saranno ancora più deboli, darmacia comunale compresa, e vanno a incidere su una zona di Perugia abitata dalle fasce meno garantite della società sulle quali la crisi dovuta al Covid ha già inciso pesantemente con perdita di lavoro e cassa integrazione".

E ancora: "Da anni stiamo denunciando alle istituzioni localila mancanza di politiche attive che possano rilanciare il tessuto economico e sociale del territorio. Senza far nessuna polemica, abbiamo presentato un documento al Comune di Perugia, nel quale presentammo delle proposte, secondo noi interessanti, ma a oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta in merito. Stiamo assistendo ad un incremento dei supermercati in maniera esponenziale e ovviamente, questa è la logica del mercato, qualcuno chiuderà. È impensabile che i cittadini, ma soprattutto gli anziani di Ponte d’Oddi, con la chiusura del Supermercato Gala vadano a far le proprie provviste in altre zone della città senza la possibilità di utilizzare alcun mezzo di locomozione. Questa chiusura è un’altra tremenda mazzata per le persone più deboli e più bisognose di servizi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine l'appello all'amministrazione perugina: "Non vorremmo che alle problematiche commerciali si aggiungano anche problemi di non conformità della struttura (come qualcuno ha paventato), magari legati anche all’ambiente di lavoro e alla salute, perché allora si che dovremmo intervenire in maniera pesante su chi abbia responsabilità di carattere igienico/sanitario. Il Circolo Arci Ponte d’Oddi invita sindaco, amministrazione comunale, tutto il Consiglio Comunale a mettere al centro della loro attenzione i quartieri periferici come il nostro che non possono diventare dormitori privi di ogni risorsa. E, per quanto ci riguarda, così come facciamo da anni continueremo a denunciare quanto accade, a organizzare attività, a fare proposte, a tenere aperto il nostro Circolo perché questa luce nata nel dopoguerra dall’impegno sociale dei giovani del quartiere non venga spenta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento