Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Coronavirus, lo sfogo dei medici di famiglia: "Possibili 'untori' e abbandonati a noi stessi"

La denuncia della Fimmg umbra: "Costretti a operare senza protezioni, mettiamo a rischio anche i pazienti"

Tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari si moltiplicano gli appelli alla popolazione, invitata a restare a casa per arginare la diffusione del coronavirus, ma anche le grida di allarme e le richieste di aiuto alle istituzioni da coloro che si ritrova a combattere in condizioni difficili un'emergenza inattesa e mai affrontata prima. 

Tra questi ci sono anche i medici di famiglia, che in Umbria fanno sentire la loro voce attraverso Sabatino Orsini Federici, segretario regionale della Fimmg: "Dall’inizio dell’emergenza coronavirus i medici di Medicina Generale, di Continuità Assistenziale ed i Pediatri di Libera Scelta dell’Umbria da subito si sono trovati in 'prima linea' a combattere una battaglia contro un nemico invisibile ed oltremodo pericoloso - si legge in una nota ufficiale -. La nostra è soprattutto la denuncia e lo sfogo di chi si è trovato costretto a prendersi cura della propria popolazione assistita SENZA dispositivi di protezione individuale (DPI).

 In data odierna a qualche medico di Medicina Generale è stato consegnato del materiale (una mascherina Fpp2, 4 mascherine chirurgiche, 8 paia di guanti, un telo copri vestiti, 2 cuffie, 4 soprascarpe a testa) giunto con notevole ritardo rispetto alla comparsa del virus, che risulta assolutamente inadeguato sia nella quantità sia nella qualità!!!  Tutto questo ci induce a pensare che la nostra sicurezza non sia una Vostra priorità. 

Un medico di Assistenza Primaria che si ammala non è solo un problema per il medico stesso, ma per tutta la popolazione che assiste, oltre che possibile 'untore'… Siamo sconcertati per il pressapochismo e la inadeguatezza con il quale avete congegnato queste misure anti COVID-19 nonostante i nostri rappresentanti nella Task Force abbiano insistentemente chiesto attenzioni diverse per gli operatori del territorio. Ci riserviamo pertanto di mettere in atto adeguate misure di protesta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, lo sfogo dei medici di famiglia: "Possibili 'untori' e abbandonati a noi stessi"

PerugiaToday è in caricamento