Cronaca

Lite tra amici finisce nel sangue, coltellata al volto dopo che aveva offeso la moglie

"Non sei un vero musulmano perché hai sposato una donna italiana", l'amico si offende e gli affetta la faccia. Lite tra due magrebini sul comportamento che deve tenere un seguace del profeta finisce in tribunale

Insulta la moglie dell’amico e questo tira fuori il coltello e gli affetta le guance.

Protagonisti della vicenda due magrebini che una sera, tra due chiacchiere e un po’ di alcol, hanno iniziato a discutere tra di loro sulla fede e sui comportamenti da tenere per essere un buon musulmano.

Evidentemente le differenze di vedute erano notevoli, perché gli animi si sono riscaldati e i due hanno iniziato a litigare. Uno dei due ha rinfacciato all’altro di non seguire le indicazioni del profeta anche per aver scelto una donna italiana non convertita.

“Parli tu che ha sposato una donna italiana” avrebbe detto il primo al secondo, il quale avrebbe colto un tono di offesa in quelle parole. Così in risposta avrebbe tirato fuori un coltello dalla tasca dei pantaloni e colpito con un fendente l’altro al volto. Procurandogli una profonda ferita alla guancia.

Per questo l’uomo, denunciato per lesioni aggravate, è finito sotto processo, difeso dall’avvocato Vincenzo Bochicchio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite tra amici finisce nel sangue, coltellata al volto dopo che aveva offeso la moglie

PerugiaToday è in caricamento