menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città di Castello, sfornavano dolci e prelibatezze in mezzo a parassiti e sporcizia

Alimenti di dubbia provenienza e condizioni igieniche oltre il limite della tollerabilità. In più lavoro nero. Chiuso un noto forno-laboratorio artigianale di Città di Castello. L'amara scoperta per i clienti

Sfornavano dolci e altre prelibatezze che andavano a ruba in tutto l'Altotevere peccato però che erano stati prodotti in condizioni igieniche al limite e con alimenti potenzialmente non più buoni per il consumo umano. La scoperta è stata fatta dai Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Perugia che ha effettuato un controllo nel laboratorio artigianale di un forno di Città di Castello. 

Nel corso dell’ispezione sono state rilevate cattive condizioni igienico sanitarie dei locali, riscontrando la presenza di parassiti e sporcizia. Sono stati inoltre individuati circa 50 chili di prodotti dolciari congelati non in modo corretto e privi di indicazione circa la loro tracciabilità. A causa delle carenze riscontrate è stata disposta la chiusura immediata dell’attività per motivi sanitari. Inoltre i Carabinieri hanno accertato che nel forno lavoravano 4 dipendenti non in regola: zero contratto. Al titolare è stata staccata una multa da 45mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento