menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altotevere, altro maxi sequestro di droga: 17 chili, individuati pusher e corriere

Individuati i nominativi degli spacciatori che detenevano oltre 17 kg di hashish  rinvenuti e sequestrati nel mese di agosto sotto un cavalcavia della superstrada E/45, in una località isolata nella periferia di Umbertide

Continua la lotta alla droga da parte dei Carabinieri della Compagnia di Città di Castello e della Stazione di Umbertide con sequestro di consistenti quantitativi di stupefacenti mai riscontrato prima d’ora.  Nell’ambito dell’attività investigativa che ha già portato al rinvenimento di ingenti quantità di hashish e cocaina e all’arresto di alcuni spacciatori e corrieri, gli inquirenti sono riusciti dopo alcuni mesi di indagini serrate ad individuare i nominativi degli spacciatori che detenevano oltre 17 kg di hashish  rinvenuti e sequestrati nel mese di agosto sotto un cavalcavia della superstrada E/45, in una località isolata nella periferia di Umbertide.  

L’attività che ha portato al rinvenimento della grossa partita di droga è stata condotta anche con l’ausilio dell’unità cinofila dei Carabinieri di Firenze. Il cane antidroga è stato determinante nel rinvenimento della sostanza stupefacente 
che si trovava abilmente occultata nella fitta vegetazione, divisa in panetti da 100, 500 e 1.000 grammi. 

Dal mese di agosto, le indagini sono proseguite ininterrottamente fino ad oggi, quando i Carabinieri hanno stretto il cerchio su alcuni soggetti, probabilmente di origine albanese (ma sul conto dei quali le attività di indagini tuttora in corso non consentono di rivelare ulteriori particolari) i quali rifornivano di droga l’intera Alta Valle del Tevere.

Per rendersi conto dell’eccezionale importanza del sequestro, basti pensare che dall’hashish recuperato si sarebbero potute ottenere oltre 25.000 singole dosi. La droga, una volta venduta al dettaglio, avrebbe fruttato quasi 180.000  euro, dato allarmante in considerazione dello stretto rapporto fra la grande quantità di stupefacente presente sul mercato e l’altrettanta richiesta dei consumatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento