menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castelluccio, tra le macerie c'è ancora un tesoro da salvare: "Aiutateci"

La segnalazione arriva da Diego Pignatelli della proloco di Castelluccio. L'altare della chiesa Santa Maria Assunta dimenticato in mezzo alle macerie

Il terremoto può aver distrutto case, strade, edifici, opere d'arte, ma non è riuscita a recidere il forte legame degli abitanti con la propria terra. La terra in questione, è lo splendido borgo di Castelluccio di Norcia, vedetta dei Sibillini, guardiano di paesaggi di infinita bellezza, che ancora paga il pesante scotto della furia del sisma che ha insistito violentemente su questo piccolo fazzoletto dell'Umbria. Quel 30 ottobre di un anno fa.

I castellucciani si sono battuti a più non posso per  riavere una strada praticabile, per far ripartire la semina, per tornare a far pascolare il proprio bestiane tra quelle montagne che è difficile abbandonare, dimenticare. Ed ora, per bocca di Diego Pignatelli, presidente della locale proloco, parte un nuovo appello affinchè un prezioso tesoro caro alla comunità venga restituito alla vita. Si tratta della chiesa di Santa Maria Assunta, gravemente danneggiata dal terremoto dello scorso ottobre e senza che nessuno sia intervenuto in suo aiuto. "E' l'unica chiesa del cratere dimenticata, ma dentro c'è ancora un altare intatto, risalente all'800, che abbiamo provveduto noi a coprire con un telo in vista dell'inverno".

"Sollecitiamo - continua Diego - istituzioni, beni culturali, affinchè venga salvato questo gioiello, l'altare, dimenticato tra le macerie dopo la furia del sisma, è miracolosamente intatto, ma lasciato così rischia di danneggiarsi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento