Cronaca

Rientra in carcere con le pasticche di droga nell'ano, ma il 'nascondiglio' non funziona: scoperto

Perquisito dagli agenti della polizia penitenziaria, il detenuto è stato accompagnato all'ospedale per accertamenti radiologici. Scoperta la droga

Dieci pasticche di droga occultate nell’ano di un detenuto scoperte grazie agli agenti della polizia penitenziaria. E’ quanto accaduto nel carcere di Capanne di Perugia dopo che un detenuto, al rientro da un permesso, è stato controllato dagli agenti e sottoposto a perquisizione. Il detenuto - come spiegato da una nota del Sappe - è stato così accompagnato all’ospedale civile di Perugia per gli accertamenti radiologici del caso, con esito positivo. Si tratta di un italiano che fruiva di un giorno di un permesso, ed è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

A plaudire l'operazione degli agenti è il Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria dell’Umbria, che tramite il segretario regionale Fabrizio Bonino, spiega: "Le congratulazioni più sincere  al reparto di Polizia Penitenziaria di Perugia, guidata dal Commissario Capo Brillo Fulvio, che pur in gravissime difficoltà dovute alla carenza cronica di personale rimane a schiena dritta e persegue i propri fini istituzionali”. 

Anche Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. commenta: “Questo ennesimo rinvenimento di stupefacente destinato a detenuti, scoperto e sequestrato in tempo dall’alto livello di professionalità e attenzione dei Baschi Azzurri di Perugia, a cui vanno le nostre attestazioni di stima e apprezzamento, evidenzia una volta di più come sia reale e costante il serio pericolo che vi sia chi tenti di introdurre illecitamente sostanze stupefacenti in carcere". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientra in carcere con le pasticche di droga nell'ano, ma il 'nascondiglio' non funziona: scoperto

PerugiaToday è in caricamento