Bruciata dall'ex nella sua abitazione, la versione dell'indagato non regge: niente libertà

Lentamente migliora il quadro clinico di Alessandra, la 40enne "bruciata" per gelosia dall'ex nella sua villetta tra Gualdo e Nocera Umbra. Le ferite riguardano il 12 per cento del corpo e la sedazione - per arginare il dolore - è sempre più blanda fino ad arrivare ad un risveglio totale. Non è in pericolo di vita ma la prognosi, date le ferite, è ancora riservata. 

Si trova all'ospedale di Genova al centro grandi ustionati "protetta" dalla propria famiglia che, in queste ore, ha dovuto anche subire gli articoli di stampa sulla versione choc data agli inquirenti dall'ex fidanzato. Lui si dice vittima della donna stessa e di non aver dato fuoco a lei e alla casa. Ma un liquido infiammabile - presente in casa per le pulizie - durante la lite sarebbe finito vicino ad una stufetta e da lì la tragedia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Dramma in via Canali, donna di 49 anni trovata morta in un parcheggio

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento