rotate-mobile
Cronaca

Avvocato minacciato, l'Ordine prende posizione: "Nel mirino di tanti per garantire il diritto costituzionale alla difesa"

Lettera di solidarietà all'avvocato che ha ricevuto minacce, ma anche condanna di episodi che avvengono sempre più spesso

L'Ordine degli avvocati di Perugia esprime solidarietà all'avvocato Francesco Gatti dopo che lo stesso ha ricevuto un biglietto intimidatorio nel quale "quest'ultimo veniva definito come 'assassino', con tutta probabilità per la sola ragione che il medesimo in questi stessi giorni è impegnato nella difesa di un indagato accusato di aver commesso un omicidio.

L'Ordine degli avvocati, attraverso il presidente Carlo Orlando, ricorda come "tale episodio purtroppo non possa definirsi isolato, e per queste ragioni si avverte la necessità di ribadire e riaffermare con decisione la funzione sociale e costituzionale dell'avvocatura, posta a presidio del concreto ed effettivo diritto di difesa nella sua estrinsecazione all'interno del giusto processo, oltre alla sua natura tecnica che non deve mai essere confusa con le posizioni giuridiche ed i diritti propri delle parti assistite".

Oltre alla "vicinanza e solidarietà al collega avvocato Francesco Gatti", c'è anche la frma condanna del "vile gesto perpetrato mediante il biglietto anonimo richiamato in premessa".

Gli avvocati perugini esprimo anche disapprovazione per "simili deprecabili episodi" che "costituiscono un gravissimo ed ingiustificabile gesto di delegittimazione dell'Avvocatura tutta nella sua funzione, tale da comportare un inaccettabile travisamento del diritto di difesa costituzionalmente riconosciuto ed una illogica sovrapposizione ed intollerabile identificazione tra l'avvocato ed il proprio assistito, in spregio dello stesso principio di non colpevolezza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvocato minacciato, l'Ordine prende posizione: "Nel mirino di tanti per garantire il diritto costituzionale alla difesa"

PerugiaToday è in caricamento