Cronaca

Arbitro assediato nello spogliatoio e minacciato, liberato grazie all'intervento della Polizia

Finale di partita agitato a Schiavo, con i dirigenti del Todi che avevano da ridire qualcosa al direttore di gara. Poi gli animi si sono calmati e tutto è rientrato

“Presto correte, mi stanno minacciando, sono chiuso dentro e non posso uscire”.

È la telefonata raccolta dalla centrale della Polizia di Stato fatta da un arbitro costretto a rifugiarsi nello spogliatoio al termine della partita Schiavo-Todi.

Gli agenti della Polizia si sono recati al campo sportivo di Schiavo su segnalazione dell’arbitro che a fine partita è stato costretto a rifugiarsi nello spogliatoio dopo che i dirigenti della squadra ospite, cioè del Todi, lo avrebbero minacciato verbalmente.

Assediato nello spogliatoio l’arbitro ha chiesto l’intervento della Polizia per essere liberato dall’assedio e poter tornare a casa.

La società del Todi minimizza la cosa, affermando che l'arbitro è uscito dallo spogliatoio tranquillamente e che nessuno lo ha minacciato, ma solo contestato le sue capacità di dirigere una gara.

Un’altra tranquilla domenica sui campi di calcio della provincia perugina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arbitro assediato nello spogliatoio e minacciato, liberato grazie all'intervento della Polizia

PerugiaToday è in caricamento