rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Persone malate di demenza e Alzheimer: arriva un geolocalizzatore in caso di allontanamento

Il fenomeno degli anziani scomparsi sta crescendo sempre di più. Da qui l'accordo tra Regione, Usl, associazione Penelope e Prefettura per sfruttare tecnologia e una rinnovata task-force

In Umbria parte la sperimentazione per individuare in breve tempo  gli anziani malati di Alzheimer e varie forme di demenza che si sono allontanati dalla propria residenza. Un fenomeno purtroppo in forte crescita secondo i dati regionali. L'aspetto più importante della nuova sperimentazione è l'introduzione di un sistema di geolocalizzazione, collegato 24 ore su 24 ad una Centrale, che opera in raccordo con le squadre di soccorso. Il nuovo corso a tutela dei malati (e delle loro famiglie) è stato possibile grazie all'accordo siglato dal Prefetto, dal Presidente della Regione, dai Direttori Generali delle ASL Umbria 1 e Umbria 2 e dal Presidente dell’Associazione Penelope Onlus. Da quelle firme nasce una collaborazione operativa che prevede ruoli, tempi e pianificazione territoriale 

In caso di scomparsa degli anziani con deficit cognitivi e del mancato rintraccio da parte della Centrale Operativa, verranno attivate, in tempo reale, le nuove procedure della task-force di ricerca.  Le Usl Umbria 1 e 2 individueranno le persone affette da deterioramento cognitivo alle quali assegnare il dispositivo di geolocalizzazione, che saranno consegnati dall’Associazione Penelope Onlus.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persone malate di demenza e Alzheimer: arriva un geolocalizzatore in caso di allontanamento

PerugiaToday è in caricamento