rotate-mobile
Attualità

Raduno mondiale degli scout in Corea del Sud, stanno bene i ragazzi umbri

Nel Paese asiatico si trovano 2 accompagnatori e 11 scout minorenni. Il campo evacuato per l'arrivo di un tifone

Stanno bene i 13 scout umbri che partecipano al raduno mondiale in Corea del Sud, dove hanno affrontato il gran caldo e ora un tifone.

I 13 scout, di cui 11 minorenni, fanno parte della delegazione italiana degli scout al raduno mondiale in Corea del Sud che è stato chiuso in anticipo perché sul Paese sta per abbattersi un violento tifone. L'enorme accampamento dove hanno alloggiato 43mila ragazzi provenienti da 158 nazioni è stato chiuso i gli scout hanno raggiunto la capitale Seul.

Tutti i ragazzi hanno contatto le famiglie per rassicurarli sulle loro condizioni. Si tratta di maschi e femmine di età compresa tra 14 e 16 anni, cinque di Perugia, quattro di Foligno e due di Corciano. La capo-delegazione, Ilaria Scialò, è affiancata da padre Emmanuel.

Statunitensi e inglesi hanno abbandonato l’edizione asiatica del jamboree a causa del caldo e dell’organizzazione precaria del campo. Circa 700 partecipanti hanno accusato colpi di calore o altri disturbi, con un centinaio di ricoveri in ospedale.

Gli scout italiani, e quelli umbri quindi, hanno deciso di partecipare fino al termine all’evento, seppur spostati nelle zone più sicure dalle autorità coreane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raduno mondiale degli scout in Corea del Sud, stanno bene i ragazzi umbri

PerugiaToday è in caricamento