Attualità

Coronavirus, i dipendenti donano ore di lavoro e il Superconti di Spello raddoppia i pacchi alimentari

Iniziativa di solidarietà: il contributo è stato consegnato al Comune

Il denaro non è l'unico strumento per dimostrare solidarietà nei confronti di chi ne ha bisogno e lo dimostrano i dipendenti del Superconti di Spello, che hanno donato ore di lavoro consentendo così al punto vendita di raddoppiare il contributo in generi alimentari per sostenere famiglie fragili. 

Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio: i dati comune per comune

La consegna al Comune di Spello è avvenuta ieri pomeriggio (mercoledì 21 maggio) alla presenza dell’assessore ai servizi sociali Rosanna Zaroli e del responsabile d’area Gianluca Sabatini, dei rappresentati dei lavoratori e del punto vendita, e dei volontari del gruppo Comunale di Protezione Civile, Cri Comitato di Spello e  Comitato per Acquatino che - attraverso il punto di raccolta del Centro Polivalente Ca’ Rapillo - si occuperanno della distribuzione in base alle indicazioni dell’Ufficio Servizi sociali.

Fase 2, contrordine da Roma: l'Umbria torna "a rischio basso"

“Si tratta di una lodevole iniziativa di beneficenza resa possibile dalla generosità di lavoratori che hanno deciso di sostenere altri lavoratori in temporanea difficoltà  e del punto vendita che ha voluto raddoppiare l’entità della donazione – ha commentato l’assessore Zaroli -. Le derrate alimentari serviranno per integrare il fondo di solidarietà attraverso cui il Comune sta sostenendo persone e nuclei familiari in difficoltà, avvalendosi della collaborazione dei volontari delle associazioni del territorio che ogni giorno non fanno mai mancare il loro prezioso contributo”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i dipendenti donano ore di lavoro e il Superconti di Spello raddoppia i pacchi alimentari

PerugiaToday è in caricamento