rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Attualità

Scuole, la "rivoluzione" della Provincia di Perugia: nuove sedi e adeguamenti, lavori per 31,5 milioni di euro. La mappa

Da Città di Castello a Spoleto, gli interventi presenti e futuri per gli edifici gestiti dall'ente

Più di 31,5 milioni di euro investiti dalla Provincia sull’edilizia scolastica. Tra nuovi edifici e per gli interventi nelle sedi attualmente esistenti.   
Per rispondere alla fluttuazione delle iscrizioni nei vari plessi e alle esigenze di spostamento temporaneo degli studenti, dovuti ai lavori di ristrutturazione complessiva in alcuni istituti, la Provincia ha investito 450.000 euro di cui circa 100.000 euro all’Ipsia Cavour Marconi Pascal, sede di Madonna Alta, dove la palestra era inagibile dal terremoto del 2016, e altri 200 mila euro negli edifici scolastici di Città di Castello per lo spostamento temporaneo degli studenti del liceo Classico.
Per la restante parte i finanziamenti sono stati utilizzati nei vari edifici scolastici (Foligno, Spoleto, Castiglione del Lago, Gubbio, Perugia, Marsciano, Assisi), per coprire le esigenze di aumento di classi e permettere il riavvio dell'anno scolastico 2022/2023.
Sono in corso i lavori di ampliamento e costruzione di nuovi edifici e nuove aule in diverse zone della provincia: ampliamento dell'Iis Campus Leonardo da Vinci di Umbertide, per una spesa di1,6 milioni di euro, per la nuova scuola in zona Centova (4 milioni per il blocco aule e laboratori). E ancora, nuove aule all’Itis Piscille per 200mila; miglioramento sismico della sede dell’Itis Leonardo da Vinci di Foligno per 2,2 milioni; demolizione e ricostruzione edificio ex-officine e nuovo polo scolastico per il Liceo Scientifico Foligno per un totale di 5 milioni, nuova scuola a Città di Castello, ampliamento del Salviani (non ancora iniziati).
Per il futuro partiranno nel 2023 i lavori all’istituto superiore “Franchetti – Salviani” Città di Castello che prevedono la costruzione di un nuovo edificio relativo all'ampliamento per aule e laboratori (1,5 milioni). Sarà sempre interessato da un ampliamento l’Itc Fratelli Rosselli di Castiglione del Lago (1,5 milioni), mentre è previsto il miglioramento sismico ed energetico dell'edificio principale del liceo classico "Plinio il Giovane" di Città di Castello (importo circa 4,5 milioni). A Perugia, il completamento II stralcio per la nuova scuola a Centova (per 4.338.000 euro) e il miglioramento sismico del liceo magistrale “A. Pieralli” di via del Parione (6,7 milioni). Altri lavori sono previsti in molti edifici scolastici che riguarderanno miglioramento impianti, istallazioni di fotovoltaico e prevenzioni incendi.

Con l’Ordinanza speciale 31 riguardante il programma straordinario di ricostruzione sulle strutture scolastiche danneggiate dal terremoto di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria  sono stati, in questi giorni, finanziati 250.milioni  di euro.

“La Provincia tra plessi di proprietà e in uso gestisce circa 110 edifici e palestre scolastiche per una popolazione scolastica di 30.469 studenti – ha sottolineato la consigliera delegata all’edilizia scolastica – Grazie ad una situazione congiunturale davvero favorevole  la Provincia si trova ad amministrare risorse economiche ingenti, provenienti da diverse linee di finanziamenti e in virtù delle nuove opportunità offerte dal Pnrr. Per gestire al meglio queste risorse abbiamo bisogno della collaborazione delle Amministrazioni comunali e dei Dirigenti Scolastici così da riuscire, tutti insieme, a dotare i territori della provincia di scuole sicure e moderne che rispondano alle esigenze dei ragazzi, delle famiglie dei docenti e non solo. Questa è una sfida epocale che ci vede tutti protagonisti, per questo da tempo la Provincia ha avviato una interlocuzione stretta con tutti i soggetti interessati, consapevole che la posta in gioco è importante”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole, la "rivoluzione" della Provincia di Perugia: nuove sedi e adeguamenti, lavori per 31,5 milioni di euro. La mappa

PerugiaToday è in caricamento