Eventi

Voce ai cittadini con un biglietto e la psicologia finisce... nella scatola

In concomitanza con l'Umbria Psicologia Festival il progetto ideato dalle terapeute Carola Sorrentino e Monica Morelli: i cittadini diventano protagonisti scegliendo una serie di argomenti e problematiche da affrontare poi in successivi incontri teorico-esperienziali

La psicologia diventa 'on demand' e finisce nella scatola a Perugia grazie a un progetto nato dal desiderio di Carola Sorrentino e Monica Morelli, entrambe psicologhe psicoterapeute, di creare una serie di eventi che vedessero protagonisti tutti i cittadini umbri, non solo come spettatori passivi di proposte fatte da esperti, ma come attori nella scelta dell’argomento da trattare in workshop partecipati e attivi. In questo mese di ottobre così, in concomitanza con l'Umbria Psicologia Festival, è scattata la prima edizione de “La psicologia nella scatola”, con la partecipazione dell’Ordine degli Psicologi dell’Umbria e molti altri psicologi terapeuti che hanno disseminato in varie zone dell’Umbria le 'scatole delle idee' (la mappa sulla pagina facebook @LaPsicologiaNellaScatola), in cui chiunque potrà lasciare la propria richiesta e vederla realizzata, nel corso del 2020, in forma di incontro teorico esperienziale, condotta da psicologi e psicoterapeuti umbri. Per farlo bisognerà scrivere su un biglietto un argomento a tema psicologico che incuriosisce, di cui si sente la necessità di parlare o di approfondire; poi inserirlo in una delle 'scatole delle idee' che verranno in seguito ritirate e porteranno all'organizzazione di una serie di appuntamenti dedicati agli argomenti usciti dalle scatole. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voce ai cittadini con un biglietto e la psicologia finisce... nella scatola

PerugiaToday è in caricamento