menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più di 10 chilometri di transenne e 900 volontari ad accogliere il Papa

Arriva anche dagli uffici regionali l'apporto per la grande macchina organizzativa per la visita del Papa ad Assisi il 4 ottobre giorno di San Francesco. Molte le risorse che la regione Umbria metterà in campo perché tutto vada per il meglio

Mancano pochissimi giorni alla tanto attesa visita pastorale di Papa Francesco nel giorno del Santo ad Assisi, per accogliere il Santo Padre la macchina organizzativa sarà imponente. A questo proposito la Regione Umbria ha dato e darà il suo contributo in termini di uomini, mezzi e risorse finanziarie, a garantire l’accoglienza delle migliaia di pellegrini. Visita che coinciderà con il fatto che spetta quest’anno alla Regione Umbria e ai 92 Comuni l’offerta dell’olio per alimentare la lampada votiva sulla tomba di San Francesco d’Assisi, le cui cerimonie avranno inizio a partire dal pomeriggio del 3 ottobre, per concludersi con la solenne celebrazione eucaristica del 4 ottobre.
   
In previsione della complessità organizzativa, logistica e protocollare dei due eventi, fin dallo scorso mese di giugno sono stati costituiti tavoli tecnici finalizzati alla loro realizzazione, con la partecipazione della Regione Umbria, del Comune di Assisi, della Prefettura di Perugia, delle Forze dell’ordine e dei rappresentanti delle Diocesi e delle strutture ecclesiastiche coinvolte. I tavoli tecnici sono stati di volta in volta integrati con rappresentanti degli enti locali umbri e delle strutture periferiche dello Stato, delle principali strutture operative e delle componenti del Sistema regionale della Protezione Civile, delle aziende pubbliche e private gestori dei servizi essenziali, con particolare riferimento ai servizi di trasporto necessari ad assicurare al meglio l’arrivo e la partenza dei pellegrini. In considerazione dell’eccezionalità dell’evento, è stata interessata anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha assicurato la propria fattiva presenza in occasione della giornata di visita del Pontefice.

Innanzitutto, la Protezione civile della Regione Umbria coordinerà oltre 900 volontari che saranno impegnati nell’arco dell’intera giornata, a partire dalle ore 4 del 4 ottobre, quando la macchina organizzativa sarà già operativa. Per l’occasione, è stato disposto il potenziamento del Sistema sanitario regionale tramite il coinvolgimento delle Aziende Ospedaliere, Aziende Sanitarie e Servizi di emergenza 118. Dislocate in tutta l’area interessata ci saranno oltre 30 ambulanze. È stata anche ultimata la predisposizione dell’elisuperficie presso l’Azienda ospedaliera di Perugia ed è stata altresì attivata la struttura di elisoccorso della Regione Marche per eventuali necessità.

Durante l’intera durata degli eventi sarà attiva la Sala Operativa Unica Regionale presso il Centro di Protezione Civile, con la presenza, oltre che di tutto il personale del Servizio Protezione Civile, di referenti per le varie funzioni necessarie. Inoltre personale regionale sarà presente alla Sala operativa Interforze che verrà attivata dalla Prefettura di Perugia e al Centro Operativo Comunale del Comune di Assisi. Sempre a cura del Servizio regionale di Protezione civile saranno montati 5 Posti medici avanzati per garantire il primo soccorso; 8 blocchi di servizi igienici nei pressi delle aree dove è previsto l’afflusso maggiore di pellegrini; l’illuminazione delle aree libere adibite a parcheggi. In collaborazione con l’associazione dei radioamatori, vi saranno alcune postazioni dotate di webcam collegate con la Sala operativa regionale di protezione civile per un monitoraggio continuo.

La Regione Umbria parteciperà anche agli oneri finanziari che si dovranno sostenere per allestire almeno 10 chilometri di transenne, per potenziare i sistemi di trasporto tramite la disponibilità di navette per l’intera giornata e l’approntamento di treni speciali per consentire l’arrivo a Santa Maria degli Angeli, sia al fine di ridurre l’afflusso di trasporto su gomma nel centro della città, sia al fine di consentire, attraverso un accesso ordinato dei visitatori, una buona gestione della sicurezza e dell’ordine pubblico. Tramite l’Assessorato regionale all’Istruzione, è stato anche organizzato il trasporto di oltre 1500 studenti di scuole umbre che saranno presenti ad Assisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento