Silvio Orlando al Morlacchi mette in scena la "solitudine sociale" dei tempi moderni

Incontro con l'attore e la sua Compagnia protagonisti di “Si nota all’imbrunire”. Scene e retroscena di un successo annunciato

Incontro con la Compagnia di Silvio Orlando, protagonista al Morlacchi in “Si nota all’imbrunire”. Scene e retroscena di un successo annunciato.

“Lucia Calamaro ha fatto scrittura scenica, tarando i personaggi sulle nostre precise individualità”. Questa la rivelazione dell’attore partenopeo, indimenticavile interprete di Eduardo, oltre che vincitore, fra l’altro, della prestigiosa Coppa Volpi.

La Stagione si apre con lo spettacolo – prodotto da Cardellino insieme al Teatro Stabile dell’Umbria – che sta su fino a domenica 3 novembre. Inaugurerà poi la Stagione del teatro Luca Ronconi di Gubbio, lunedì 4 novembre, e quella del Comunale di Todi, martedì 5.

Il plot, drammatico e attualissimo, è imperniato sul tema esistenziale della solitudine e della vecchiaia. Calamaro la chiama “solitudine sociale” che, a suo dire, “sembra uccidere più dell’obesità”.

Perché vivere in solitudine costituisce un male oscuro che ci impedisce una normale esistenza, fatta di relazioni, scambi affettivi e relazionali.

Un male che assume natura epidemica, visto l’aumentare dell’aspettativa di vita della popolazione, con la presenza, in crescita esponenziale, del numero di persone anziane.

Nel cast, al fianco di Silvio Orlando, i bravissimi Vincenzo Nemolato, Roberto Nobile, Alice Redini e Maria Laura Rondanini.

Nell’incontro, coordinato dal professor AlessandroTinterri, si sono declinate le linee di scrittura del lavoro che affronta un tema di sicuro interesse e di fervida attualità.

“L’autrice – dice Orlando – ha voluto alleggerire il tema introducendo dialoghi scoppiettanti, al limite del comico”. E il pubblico ride parecchio, forse perfino troppo, “un po’ per celia, un po’ per non morir”. Una comicità, insomma, funzionale – dice Orlando – allo scopo di “non spaventare il pubblico su un tema drammatico”.

La svolta finale assume i toni del dramma, anche se rischia di perdersi tra le tinte pastello della rappresentazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’interpretazione di tutti i componenti del cast tocca punte di eccezionalità. Una produzione che fa onore alla drammaturgia contemporanea e all’impegno del nostro Stabile. Uno spettacolo che impegna e diverte. Un esempio concreto di come portare per mano il pubblico verso temi di natura impegnativa, allettandolo con uno stile di apparente levità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento