Eventi

Corpus Domini, celebrazione in duomo a Perugia ma salta la processione in centro

Domenica (14 giugno) il cardinal Bassetti celebrerà la solennità nella cattedrale di San Lorenzo, ma non ci sarà la processione del Santissimo Sacramento fino alla basilica di San Domenico

Dopo secoli di tradizione salta la processione per le vie del centro storico. Sarà dunque una celebrazione 'incompleta' a Perugia quella del Corpus Domini questa domenica (14 giugno), condizionata dall'emergenza coronavirus e dalle disposizioni anti-Covid (con il divieto di assembramenti).

IL PROGRAMMA - Una situazione che ha portato così ad evitare che i fedeli partecipassero alla processione del Santissimo Sacramento dalla cattedrale di San Lorenzo alla basilica di San Domenico, sostando in preghiera davanti alle sedi delle Istituzioni civili e politiche del capoluogo umbro. La solennità del Corpus Domini sarà comunque celebrata all’interno della cattedrale (alle ore 11), trasmessa in diretta da Umbria Radio InBlu (92.00 e 97.20). A presiedere la celebrazione eucaristica sarà il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti alla presenza delle autorità cittadine. Al termine si terrà l’adorazione del Santissimo Sacramento all’altare maggiore guidata dal cardinale che impartirà la benedizione eucaristica alla comunità perugina.

LA STORIA - Il capoluogo umbro è da sempre molto legato alla solennità del Corpus Domini, istituita da papa Urbano IV, morto a Deruta il 2 ottobre 1264 e sepolto nella cattedrale di San Lorenzo. Circa due mesi prima della morte, l’11 agosto 1264, Urbano IV istituì ufficialmente questa solennità con la bolla Transiturus de hoc mundo, a seguito del 'particolare miracolo eucaristico' avvenuto a Bolsena l’anno precedente. La popolarità di questa festa, che manifesta pubblicamente la fede del popolo cristiano nel Santissimo Sacramento, è cresciuta con il Concilio di Trento (1545-1563), quando si sono diffuse le processioni eucaristiche e il culto eucaristico al di fuori della Messa. A Perugia si ha memoria storica della processione con il Santissimo Sacramento dall’anno 1378, a seguito di un “provvedimento pubblico” delle autorità civili e religiose della città (cfr. Cronaca di P. Pellini) che stabilì anche il percorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corpus Domini, celebrazione in duomo a Perugia ma salta la processione in centro

PerugiaToday è in caricamento