menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria Mobilità, pronti per l'autunno caldo: nuovi orari e scioperi dall'11 settembre

Si preannuncia un'autunno caldo per i dipendenti di Umbria Mobilità. Mentre l'azienda presenta i nuovi orari, mercoledì 11 settembre c'è lo sciopero di 24 ore proclamato dall'Ugl Trasporti, si prevedono molte adesioni e disagi per i passeggeri

La partenza delle scuole e la fine dell'estate coincide spesso con il cambio di orari del servizio di trasporto pubblico, e così è anche per Umbria Mobilità e i suoi servizi sull'intero territorio regionale. L'azienda ha infatti annunciato il nuovo orario invernale che però dovrà fare i conti con la mobilitazione organizzata dai sindacati che continuano a protestare contro la gestione dell'azienda.

I nuovi orari per il periodo invernale, entreranno in vigore proprio da domani 11 settembre, giorno scelto per lo sciopero da Ugl Tpl Umbria, avrà validità fino al 7 giugno 2014. Cambieranno gli orari di molte cittadine umbre dei servizi urbani di Perugia, Terni, Spoleto, Amelia, Assisi, Campello sul Clitunno, Città di Castello, Foligno, Gualdo Tadino, Gubbio, Montefalco, Narni, Nocera Umbra, Norcia, Orvieto, Spello, Todi, Trevi e Umbertide e di tutte le linee extraurbane possono essere consultati on-line sul sito www.umbriamobilità.it e presso tutte le fermate. I libretti orari saranno in distribuzione presso le biglietterie aziendali del territorio nei prossimi giorni.

Ma proprio il giorno d'inaugurazione del nuovo orario invernale sarà giorno di sciopero e ci si aspetta una forte adesione da parte dei lavoratori, i sindacati fanno sapere che comunque verranno garantiti i servizi essenziali, in quella che è la quarta giornata di mobilitazione in appena tre mesi. "Le ragioni del disagio dei lavoratori sono sotto gli occhi di tutta la comunità umbra. - sottolinea Roberto Prefetti segretario regionale Ugl-Tpl Umbria - Infatti l’azienda è sempre più in balia di dirigenti incapaci che dimostrano ogni giorno la propria inadeguatezza. Da ultimo il pasticcio degli aumenti dei biglietti e delle tariffe che ora vede in campo arrabbiatissimi rappresentanti delle associazioni dei consumatori, che minacciano richieste di rimborso per un aumento giudicato illegale e senza la concertazione prevista dalla legge".

Il Segretario si scaglia anche contro gli altri sindacati rei di aver assecondato tutto all'azienda: "Per quanto riguarda le retribuzioni dei lavoratori si va avanti a 'pagherò', - continua Perfetti -  accordi con i soliti sindacati compiacenti, che tutto fanno tranne che gli interessi dei lavoratori. Il colmo è stato raggiunto con la firma dell’accordo sulla rateizzazione della retribuzione. Chiamiamo di scioperare ai lavoratori non solo contro la politica ed il Managment aziendale, ma chiediamo la loro partecipazione allo sciopero di Mercoledì 11, soprattutto per significare l’ambiguità e la poca concretezza di alcuni sindacati".

Inoltre la giornata di sciopero di Mercoledì 11 settembre, coincide con l’udienza al Tribunale di Perugia, per il ricorso presentato Ugl-Tpl contro la Commissione elettorale aziendale, che ha escluso l'organizzazione sindacale dalla partecipazione al rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento