Eurostar, Marini e Rometti contro Trenitalia: "Pronti a sospendere contratto"

La presidente dell'Umbria, Marini, insieme all'assessore Rometti si uniscono nella questione Eurostar e lanciano un messaggio a Trenitalia: "Su treni pendolari umbri false promesse, pronti a sospendere contratto"

Catiuscia Marini e Silvano Rometti chiedono un incontro urgente al direttore Divisione Passeggeri nazionale di Trenitalia, Gianfranco Battisti e all’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, per risolvere tutte le problematiche della questione: "Nonostante le promesse di Trenitalia, il nuovo orario ferroviario sta comportando solo l’aggravarsi dei disagi per i pendolari umbri: la Regione Umbria, pertanto, si riserva di attuare ogni azione utile a loro tutela, non esclusa la sospensione del contratto di servizio".

È quanto affermano la presidente della Regione Umbria e l’assessore regionale ai Trasporti che hanno chiesto un incontro urgente al direttore ed aggiungono dopo la soppressione e declassamento degli eurostar umbri che: "Le modifiche ai servizi ferroviari in vigore dall’11 dicembre scorso, sulle quali nel precedente incontro del 5 dicembre scorso erano stati forniti risposte e chiarimenti che ci avevano indotto a rassicurare i pendolari circa la loro sostenibilità – sottolineano – stanno  provocando gravi disagi ogni giorno. In particolare, alcuni degli Intercity che hanno sostituito gli Eurostar usati per i collegamenti con Roma e Ancona vengono effettuati con materiale rotabile vetusto e non adeguato a un servizio di lunga percorrenza, smentendo quanto garantito sul mantenimento dello stesso materiale rotabile utilizzato per gli Eurostar".

Non ha poi fondamento, proseguono Marini e Rometti, la soppressione dell’Eurostar 9334, in partenza da Roma Termini alle ore 19.32, particolarmente utile per il rientro di studenti e lavoratori umbri dalla capitale, a causa di una presunta “scarsa frequentazione”. Inoltre, è stata soppressa la fermata a Orvieto del treno AV 9560 in partenza da Roma Termini alle ore 20.15, con una forte penalizzazione per gli abbonati orvietani.
 
La presidente Marini e l’assessore Rometti, nell’esprimere rammarico per le disattese rassicurazioni, evidenziano che da parte di Trenitalia: "E' stato rotto un equilibrio faticosamente raggiunto con la sottoscrizione del Contratto di servizio e quindi, se questo atteggiamento dovesse continuare, la Regione si riserva di attuare tutte le azioni utili a garantire la tutela dei tanti pendolari umbri che utilizzano il treno per raggiungere i propri luoghi di lavoro e studio, compresa la sospensione del Contratto stesso”.

Trenitalia viene invitata a riassegnare subito per le tratte umbre il materiale rotabile promesso anche in virtù dell’Accordo Carta Tutto Treno Umbria e a fornire i dati ufficiali dell’Eurostar 9334 e degli altri servizi declassati, al fine di dare una risposta esaustiva alle richieste degli utenti, ribadendo “che è necessario studiare proposte alternative nella fascia compresa tra le 18.45 e le 20.45, per garantire ai pendolari il rientro serale dalla Capitale”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

  • Intasca i soldi delle giocate del Lotto, titolare di rivendita condannata dalla Corte dei conti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento