Economia

'Decreto Semplificazione': 40 opere prioritarie e strategiche. Ecco cosa 'spetterà' all'Umbria

Alta velocità e strade: il governo vara un piano di investimenti da 196,7 miliardi di euro che toccherà in parte anche il 'Cuore verde d'Italia'

Una #italiaveloce quella che ha in testa Giuseppe Conte, il cui governo ha approvato un decreto-legge che "introduce misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale". 'Decreto Semplificazione' viene definito sul sito di Palazzo Chigi, dove si spiega che "costituisce un intervento organico volto alla semplificazione dei procedimenti amministrativi, all’eliminazione e alla velocizzazione di adempimenti burocratici, alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, al sostegno all’economia verde e all’attività di impresa. 

Il decreto interviene, in particolare, in quattro ambiti principali: semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia; semplificazioni procedimentali e responsabilità misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale; semplificazioni in materia di attività di impresa; ambiente e green economy". Un decreto che nei piani dell'esecutivo, tra le altre cose, dovrebbe sbloccare e accelerare la realizzazione di 130 opere (40 delle quali definite prioritarie e strategiche) per velocizzare il trasporto di persone e merci e al tempo stesso dare una 'scossa' all'economia, provata dall'emergenza coronavirus, attraverso l'apertura di cantieri di cantieri già previsti e in buona parte finanziati.

Un piano di investimenti da 196,7 miliardi di euro (131,3 miliardi le riserse già assegnate) in cui sarà in parte coinvolta anche l'Umbria, che dovrebbe beneficiare soprattutto dell'alta velocità nella tratta ferroviaria Roma-Ancona (in progettazione con la verifica dei possibili adeguamenti delle direttici trasversali appeniniche). Sempre per quanto riguarda i trasporti sui binari ci sono poi gli interventi previsti sulla tratta appenninica Orte-Falconara, in progettazione di fattibilità. In tema di strade invece sono previsti interventi sulla E45, con l'adeguamento a due corsie in diversi punti del tratto Selci Lama-Santo Stefano di Gaifa, più l'adeguamento di alcuni tratti sul nodo di Arezzo (S. Zeno)-Selci Lama (E45) oltre a delle opere integrative a completamento del Quadrilatero Umbria-Marche. In progettazione di fattibilità infine la riqualifica della E45/SS 3 bis Orte-Ravenna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Decreto Semplificazione': 40 opere prioritarie e strategiche. Ecco cosa 'spetterà' all'Umbria

PerugiaToday è in caricamento