menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La denuncia: “Branchi di cinghiali devastano l’agricoltura, centinaia le segnalazioni delle aziende umbre"

Agricoltura allo stremo: "dopo la siccità adesso anche le semine sono compromesse da vere e proprie orde di cinghiali. Servono misure mirate di contenimento"

Agricoltura devastata dai cinghiali. E’ il nuovo allarme lanciato dalla Cia (Confederazione italiana agricoltori dell’Umbria) a causa delle centinaia di segnalazioni giunte da parte di numerose aziende della regione, in particolare dell'orvietano, del Monte Peglia e dell'alto Tevere.

“Qui branchi di  cinghiali stanno devastando  intere superfici appena  seminate, costringendo gli agricoltori  a ripetere 2 o 3 volte le pratiche colturali”. Da settimane si assiste all'acutizzarsi dell'incontrollata  piaga dei danni all' agricoltura, provocata dal proliferare di specie in sovrannumero  quali cinghiali e caprioli” , denuncia la Cia dell'Umbria

Nella Valle del Chiascio e del Tevere è forte la presenza e la densità  dei caprioli attirata in questa stagione   dalle ortive da foglia coltivate in pieno campo.  A nulla, secondo la Cia, sono servite  le misure approvate dalla Giunta della Regione Umbria per contenere gli ingenti danni alle colture. Commenta il presidente regionale Domenico Brugnoni: "Non è certamente  con la riduzione da 48 a 12 ore del termine per l’attivazione degli interventi da parte degli ATC, che in Umbria si può arginare la drammatica piaga dei danni alle colture da cinghiale".

La gestione degli ungulati e della fauna selvatica in generale è ormai fuori controllo, in Umbria come nel Centro Italia, danni a produzioni tipiche e di qualità, all'ambiente, al paesaggio, all'incolumità pubblica che raggiungono decine di milioni di euro, ed è per questo – aggiunge la Cia – che si deve considerare indispensabile e non più rinviabile, l'immediata attivazione  di misure mirate di contenimento, come l'adozione straordinaria, fino al 28 febbraio prossimo, già richiesta, della “braccata”, anche nelle Aree protette. Così come è urgente completare i piani di abbattimento selettivo dei caprioli non sempre portati a termine nei distretti”.

La Cia chiede, inoltre, che si metta mano definitivamente ad una programmazione di medio-lungo periodo della gestione faunistico-venatoria con l’obiettivo strategico di contenere le specie selvatiche dannose con piani  certi che garantiscano una efficace e duratura azione di prevenzione.

“Gli agricoltori - afferma il presidente Brugnoni- considerato l'enorme proliferare dei danni, chiedono alla Regione infine,  un impegno serio per superare il problema del regime “de minimis”, introdotto dalla normativa europea per i danni causati dalle specie cacciabili, che fissa un tetto massimo risarcibile ad azienda di soli 15mila euro in un triennio.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento