menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollo auto, chi ha diritto all'esenzione e come fare domanda

C'è anche l'esenzione del pagamento del bollo auto tra i benefici fiscali riconosciuti ai disabili dalla legge 104/92. I veicoli destinati alla mobilità dei cittadini portatori di handicap o invalidi non devono pagare la tassa automobilistica. 

Come ricorda studiocataldi.it, l'esenzione riguarda le autovetture, gli autoveicoli per trasporto promiscuo, gli autoveicoli per trasporti specifici, le motocarrozzette, i motoveicoli per trasporto promiscuo, i motoveicoli per trasporti specifici, sia condotti dai disabili sia utilizzati per il loro accompagnamento, fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e fino a 2800 cc per i veicoli diesel. Restano fuori gli autoveicoli, nonostante la specifica destinazione al trasporto disabili, intestati ad altri soggetti, pubblici o privati, come enti locali, cooperative, società di trasporto, taxi polifunzionali. 

L'esenzione è prevista per un solo veicolo (il disabile stesso può sceglierne uno nel caso ne possieda di più) e la targa va indicata al momento della presentazione della domanda. Il beneficio fiscale spetta al portatore di handicap/invalido intestatario del veicolo oppure alla persona intestataria del veicolo se il portatore di handicap/invalido è fiscalmente a suo carico. Un secondo veicolo può ottenere l'agevolazione se il primo è stato venduto o cancellato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA). In caso di mancata cancellazione, il bollo andrà corrisposto entro il mese successivo alla data in cui si verifica l'evento.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento