menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pugno duro contro i criminali: biglietto di sola andata per il pusher "indesiderato"

Il tunisino era già stato espulso nel 2016, ma poi era tornato a Perugia eludendo i controlli di Frontiera. Dopo la convalida dell'arresto, per il pusher è scattato il rimpatrio

Un tunisino di 38 anni, già espulso nel luglio del 2016 e rientrato illegalmente a Perugia, sarà accompagnato sotto scorta verso un C.I.E. del Sud in attesa del suo rimpatrio in Tunisia. L'uomo, già con numerosi precedenti alle spalle e più volte arrestato per spaccio a Perugia, era riuscito ad eludere i controlli di Frontiera per riprendere le proprie illecite attività, almeno fino a ieri. I poliziotti della Digos, nel corso di un controllo, lo hanno sorpreso nell’appartamento di un connazionale in centro storico. 

Inseguimento in via del macello all'ora di pranzo: agenti feriti ma due clandestini rimpatriati

Il tunisino, alla vista dei poliziotti, ha reagito con calci e pugni e, una volta condotto negli uffici della Questura, ha tentato, inutilmente, di fuggire aggredendo due poliziotti, rimasti lievemente contusi. Arrestato per violazione alle norme sull’immigrazione con reingresso illegale sul territorio nazionale e resistenza a Pubblico ufficiale, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del rito direttissimo che si è celebrato questa mattina. Dopo la convalida dell’arresto, il giudice ha consentito una nuova espulsione nei suoi confronti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento