menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pulire gli uffici postali non è un affare: "Stipendi arretrati e costretti a comprarci il detersivo"

La denuncia di Filcams Cgil Perugia a riguardo dell'appalto di pulizia dei locali delle Poste. "Per le lavoratrici prosegue un calvario senza sosta"

Prosegue ormai da anni il calvario delle lavoratrici e lavoratori dell’appalto delle pulizie degli uffici postali della provincia di Perugia. Puntualmente, ad ogni cambio appalto, la ditta che lascia si trova in una situazione debitoria nei confronti di lavoratrici e lavoratori (stipendi non pagati oltre al Tfr) e l’unico modo per recuperare quei soldi è tramite il fondo di garanzia dell’INPS, quindi a carico della collettività.

"Puntualmente, ad ogni cambio appalto - ha spiegato la Cgil - Poste taglia i costi sulle pulizie e chi ci rimette sono le persone dell’appalto, che si ritrovano sempre meno ore di lavoro, con le stesse metrature da pulire. Conseguenza inevitabile è quella di un servizio scadente. Con l’attuale appalto vinto da Iside Gestioni le cose non vanno meglio, anzi, appena insediato la nuova ditta appaltatrice ha subito ridotto gli orari di lavoro dei dipendenti, per poi cominciare a ritardare i pagamenti, finendo con il non pagare la 14esima".

Inoltre, negli uffici postali in cui Iside Gestioni “gestisce” le pulizie, queste vengono effettuate da lavoratrici e lavoratori alle dipendenze di altro soggetto imprenditoriale (la SVN, cooperativa sociale di Catania) che "applica un contratto collettivo non appropriato e che non paga da 3 mesi le retribuzioni, effettuando delle trattenute in busta paga, che noi riteniamo illegittime e ingiustificate, e che rendono ancora più povera la già risicata retribuzione". Le operatrici della cooperativa SVN lamentano anche la mancanza di materiale di pulizia come i detersivi e le spugne, oppure di vestiario, come camici o guanti, che in molti casi vengono comprati a spese delle lavoratrici o portati direttamente da casa.

Le lavoratrici e lo stesso sindacato che le assiste (la Cgil di Perugia insieme alla Filcams-Cgil e all’Ufficio Vertenze Legali) hanno più volte lamentato e denunciato quanto sopra alla direzione di Poste, che è però non avrebbe preso posizione. 

"La domanda - hanno concluso dalla Cgil -  allora viene spontanea: perché in questi appalti in cui è forte il rischio di illegalità e in cui i diritti di lavoratrici e lavoratori sono calpestati, Poste Italiane non interviene, nonostante le molteplici segnalazioni? La maggior parte delle volte, queste storie, sono storie silenziose, sono storie di donne e uomini che si sentono, e forse lo sono, declassati a lavoratori di serie B, che hanno grande difficoltà a far sentire la propria voce e a far emergere la proprio condizione. Ma proprio per lo sfruttamento e l’abuso che subiscono e visto che chi si avvale del loro lavoro (Poste Italiane) è un soggetto di interesse pubblico nazionale, queste storie devono diventare materia su cui la politica e le istituzioni diano risposte immediate.Per questo chiederemo ai parlamentari umbri di interessarsi di questo caso e di cercare una soluzione che ridia speranza anche a tante altre lavoratrici e tanti altri lavoratori nelle stesse condizioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento