Inviato Cittadino - Case in stile liberty ad Elce: quando il restauro è fatto a regola d’arte

Erano gli anni Trenta del Novecento quando a Perugia (da Monteluce, a viale Antinori, all’Elce) si inizia a costruire secondo i dettami dello stile liberty

Quando il restauro è fatto a regola d’arte, anche il liberty “povero” di via Annibale Vecchi viene riportato a dignità. Erano gli anni Trenta del Novecento quando a Perugia (da Monteluce, a viale Antinori, all’Elce) si inizia a costruire secondo i dettami dello stile liberty. Spesso in modo dispendioso, ma talvolta anche minimale. Le costruzioni elcine sono chiamate “le magnifiche 7”.

Così, a far seguito dalla Casa dei Putti, da quella dei Cigni, dalla Villa del Pelo  e villini adiacenti (poco sotto la scuola Enzo Valentini), scendendo in via Annibale Vecchi, sorgono edifici meno ambiziosi, ma garbati e popolari.

Non solo greche con decorazioni pittoriche, torrette e sculture affisse, ma anche semplici costruzioni con quel valore aggiunto del tocco di moda: basta una simulazione, una mattonella ceramica. È questo il caso di due modeste case, sorte dopo il curvone di via Vecchi, accanto al cortiletto dove un tempo ci fu un distributore di benzina.

Prima l’una e poi l’altra sono state sottoposte al restauro di facciata. La cosa notevole è che i titolari hanno scelto la strada più rispettosa dell’aspetto originale. Sarebbe stato più rapido ed economico intonacare a unito e tinteggiare. Invece, sotto la guida preziosa dell’architetto Mauro Monella, con esecuzione dei lavori dell’impresa Teodori di Gualdo, hanno scelto di effettuare il famoso restauro “a chiodo”. I finti mattoncini, peraltro, hanno addirittura la martellatura del “faccia a vista”. Con ombreggiature di rango.

Che significa? Che i mattoni non sono stati semplicemente dipinti, ma l’intonaco fresco è stato graffiato a chiodo, con precisione  e regolarità, a simulare la cortina di mattoni. Le finte finestre sono state ridipinte secondo la simmetria cara allo stile del periodo. Da notare che sono state conservate e restaurate le persiane con le storiche “gelosie”. Le finte testate d’angolo sono accurate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il tetto (che faceva acqua) è stato rifatto tenendo rigidamente sotto tutela le geometrie regolari. Un lavoro pregevole che ha restituito a quella casa l’aspetto dovuto. Che altro dire? Solo un grazie di cuore ai committenti e a quanti si sono impegnati per l’esecuzione dei lavori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento