Attualità

La lunga e difficile estate del lago Trasimeno tra siccità, alghe e scarsa manutenzione delle sponde

Il fotoreportage di un lettore testimonia la condizioni del lago a Torricella

Fotografie di Lory Arro

Assenza di manutenzione, siccità straordinaria, annose questioni irrisolte. Una concatenazione di elementi che influiscono negativamente sul lago Trasimeno.

Questa purtroppo è la situazione critica a Torricella, ben descritta dalle fotografie del nostro lettore Lory Arro e che testimoniano gli effetti della siccità e della mancanza di pulizia delle alghe.

Canali in secca con erbacce che hanno ripreso possesso del terreno lasciato libero dalle acque, ormeggi delle barche ormai arrivati al di sotto dei gradoni di cemento, fondale scuro e melmoso, con alghe piegate su se stesse e che si sviluppano in orizzontale per sfruttare la poca acqua rimasta, rive che si allungano verso il centro del lago, con barche ormeggiate alle boe, ma che quasi toccano il fondo, terreno secco ovunque e acqua su cui galleggiano residui di alghe e vegetazione lacustre.

"Il Lago Trasimeno rappresenta una ricchezza di inestimabile valore per la nostra Regione. Occorre per questo definire e disciplinare, magari con una legge regionale ad hoc -  ha detto recentemente Marco Squarta, presidente dell'Assemblea legislativa dell'Umbria - interventi e azioni di salvaguardia e valorizzazione di tutta la zona coinvolta, con il necessario contributo dell’Unione dei Comuni, di Arpa e delle maestranze dei luoghi".

Al Trasimeno i dragaggi non si fanno dal 2008, è aumentata la presenza dei chironomidi, manca la pulizia e la manutenzione di darsene, canali e spiagge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lunga e difficile estate del lago Trasimeno tra siccità, alghe e scarsa manutenzione delle sponde

PerugiaToday è in caricamento