INVIATO CITTADINO Coltellate in strada e criminali, Ponte San Giovanni si ribella ai balordi

Difendere e presidiare il territorio con la veglia-conviviale in via Paris… lo avevano detto e l’hanno fatto. E la prossima volta ci saranno anche Romizi e le forze dell'ordine

Difendere e presidiare il territorio con la veglia-conviviale in via Paris… lo avevano detto e l’hanno fatto. A riprova del fatto che, se si vuole, si può. La testimonianza e lo scatto ci arrivano dall’amico Gino Goti, attento osservatore-comunicatore di tutto quanto accade nella popolosa frazione perugina di Ponte San Giovanni. Lo spirito di servizio di Goti è encomiabile.

Ci racconta: “Ha riscosso notevole successo l’iniziativa di organizzare, da parte dei residenti dei palazzi che si affacciano su via Paris (una traversa di via della Scuola), una “veglia-conviviale” per sensibilizzare le autorità e l’opinione pubblica intorno ai problemi creati da alcuni gruppi di giovani. Costoro, soprattutto col buio e fino a tarda notte (per non dire ‘prima mattina’), schiamazzano, abbandonano bottiglie, cartacce, si ubriacano e, a detta dei residenti, fanno forse anche di peggio.

“Era una zona tranquilla – commenta una signora – ma ora il piccolo parco non può essere più fruito da bambini o da anziani, per le condizioni di degrado inaccettabili”.

Poi riferisce di minacce ricevute e di paura, specie dopo gli ultimi episodi di violenza e di accoltellamenti.

Noi di PerugiaToday avevamo annunciato questa veglia-conviviale ma, a parte qualche presenza isolata da altre zone del paese, soltanto la vitale Associazione della Pro Ponte di Antonello Palmerini è stata presente con consiglieri e soci. Oltre ad aver fornito tavoli e sedie.

“Delle altre 50 associazioni sociali, culturali, ricreative, sportive presenti sul territorio – commenta Goti – nessuno ha risposto all’appello lanciato con il web e con la stampa dai residenti, veramente esasperati a causa dei soprusi e delle minacce. Non sono nemmeno pervenuti messaggi di solidarietà”.

Comunque, al termine della “conviviale” (allestita dalle signore della zona con specialità gastronomiche casalinghe), è stato fatto un focus sulla situazione che ha determinato l’evento. Si è, fra l’altro, deciso di invitare il sindaco Romizi e i suoi più stretti collaboratori, nonché una rappresentanza delle forze dell’ordine. Prenderanno parte ufficialmente, sulla stessa area della veglia-conviviale, a un confronto per suggerire idee e per ascoltare l’impegno dell’Amministrazione Comunale sugli strumenti atti al miglior recupero e alla più sicura fruizione, da parte di tutti i cittadini, dello spazio verde tra via Paris e via Venanti.

“Nella speranza – conclude Goti – di una partecipazione più ampia e consapevole”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento