Perugia torni ad essere capitale dell'opera lirica, la petizione

Questo il senso dell’iniziativa assunta dal soprano Chiara Giudice, a nome e per conto di tutti i melomani della Vetusta

Foto Sandro Allegrini

Perugia torni ad essere capitale della lirica. Questo il senso dell’iniziativa assunta dal soprano Chiara Giudice, a nome e per conto di tutti i melomani della Vetusta. La petizione (“Riportiamo l’opera lirica a Perugia”) è indirizzata al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

La prestigiosa cantante ricorda che “L’antica e splendida città di Perugia annovera un importante polo Universitario, nonché la sede della seconda accademia del Disegno (oggi di Belle Arti) più antica d'Italia”. Proseguendo nella disamina delle “medaglie” della città del Grifo, la Giudice nomina la Biblioteca Augusta, una delle prime biblioteche pubbliche, senza dimenticare il fatto che la nostra città fu patria di artisti come il Perugino, il Pinturicchio, Benedetto Bonfigli, Bartolomeo Caporali, Fiorenzo di Lorenzo, Galeazzo Alessi. Oltre ad aver ospitato, durante il Rinascimento, personaggi come Raffaello, Pietro Aretino, Piero della Francesca, Luca Signorelli”.

La circostanza deplorevole risiede nel fatto che, diversamente dal passato, in nessuno dei suoi teatri, la Città d’Euliste ospiti una stagione operistica.

Fra i meriti da ascrivere a un illustre passato, quello di “aver dato i natali a cantanti che hanno avuto un ruolo di primo piano nella storia della musica lirica, come Mario Petri, Antonietta Stella, Anita Cerquetti, Mario Sereni, Paolo Coni, solo per citarne alcuni”.

Scrive: “Firmando questa petizione, contribuirai anche tu a diffondere, tramite la musica lirica, i valori di cultura e bellezza, indispensabili strumenti identitari dei Perugini”. Sena contare che, oggi più che mai, c’è bisogno di “valorizzare la musica che è veicolo del patrimonio dell’espressione artistica di cui la storia del nostro Paese risulta costellata”.

Conclusione: “Proviamo tutti insieme ad incrementare il già importante patrimonio culturale che possiede questa città, sensibilizzando i cittadini i quali chiedono da tempo che ritorni a risuonare la musica lirica nei Teatri della città, al fine di portare indotto e lavoro per molti, nonché conferire maggior appeal turistico e dignità”.

Ecco perché: “Chiediamo con questa petizione – esorta Chiara Giudice – che i rappresentanti politici (tutti ed in maniera trasversale) siano sensibilizzati a questa peculiare iniziativa, affinché si riporti l’Opera nella città di Perugia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La petizione si può sottoscrivere a questo indirizzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento