Martedì, 3 Agosto 2021
Attualità

Strade sicure, i "Diavoli gialli" della Folgore lasciano il comando: in sei mesi mezzo milione di chilometri per controllare i territori

A Foligno la cerimonia di avvicendamento alla guida del Raggruppamento Umbria-Marche, da oggi sono operativi gli artiglieri del reggimento Ariete

Cambio della guardia nella missione Strade sicure in Umbria. i “Diavoli Gialli” del 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti “Folgore” cedono il comando del Raggruppamento Umbria – Marche alla Brigata Corazzata “Ariete”

Si è svolta questa mattina, 19 dicembre, nella caserma “Gonzaga del Vodice”, sede del Centro di Selezione e Reclutamento Nazionale dell’Esercito, la cerimonia di avvicendamento al comando del Raggruppamento Umbria-Marche, tra i “Diavoli Gialli” del 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti “Folgore” e il personale del 132° Reggimento Artiglieria Terrestre “Ariete”, al termine del un mandato semestrale.

Il comandante di Raggruppamento, colonnello Mauro Bruschi, prima di cedere le consegne al comandante subentrante, il colonnello Mario Feneziani, ha elogiato gli uomini e le donne che, con il basco amaranto, hanno servito il Paese contrastando significativamente la criminalità e supportando le popolazioni colpite dal sisma del 2016, in maniera sussidiaria e complementare con le forze dell’ordine, dimostrando ampiamente di possedere una straordinaria professionalità, dedizione al servizio e spirito di abnegazione. Un sentito e corale ringraziamento è stato poi rivolto anche ai cittadini dell’Umbria e delle Marche per il calore, l’accoglienza ed il profondo affetto dimostrato in tantissime maniere ed occasioni diverse.

Nel corso di sei mesi sono stati impiegati, nelle principali città umbre e marchigiane, oltre 200 militari e 60 veicoli percorrendo complessivamente circa mezzo milione di chilometri, con il risultato di aver garantito una presenza capillare sul tutto territorio, contribuendo così a ad innalzare il livello di sicurezza nei vari centri urbani. Quasi 6000 le persone controllate, di cui circa 40 fermate ed 8 tratte poi in arresto, senza considerare 8 sequestri e oltre 50 interventi in incidenti stradali, confermando così l'impegno dell'Esercito in supporto alla collettività, anche con donazioni di sangue che hanno visto, nello scorso mese di ottobre, la raccolta di oltre 40 sacche ematiche.

A conclusione della  erimonia, il passaggio, tra il colonnello Bruschi e il colonnello Feneziani, della così detta “Stecca”, strumento nato in tempi lontani, dalla quotidiana esigenza di lucidare i bottoni delle uniformi, che con il tempo è assurto a simbolo di passaggio di consegne tra compagini militari.

Il 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti, Unità di supporto di fuoco della Brigata “Folgore”, a partire dal 28 giugno 2019, unitamente a personale del Reggimento Savoia Cavalleria (3°), del Reggimento Logistico “Folgore” e del 28° Reggimento “Pavia”, ha assunto la responsabilità di vari siti dislocati nelle città più importanti dell’Umbria e delle Marche nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”. Gli uomini e le donne che compongono i “Diavoli Gialli”, eredi di un glorioso passato, hanno contribuito alla stesura di nuovi capitoli all’insegna del proprio motto “Come Folgore Sempre ed ovunque”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strade sicure, i "Diavoli gialli" della Folgore lasciano il comando: in sei mesi mezzo milione di chilometri per controllare i territori

PerugiaToday è in caricamento