menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

INVIATO CITTADINO Perugia, l'archeologa Luana Cenciaioli nuovo presidente dell'associazione Borgo Bello

Raccoglie il testimone da Orfeo Ambrosi: "Tra le prime iniziative una 'trilogia' di grande significato sociale"

L’archeologa Luana Cenciaioli, nuova presidente di Borgo Bello, presenta il programma dell’Associazione. Una nomina prestigiosa e impegnativa, adeguata al livello di quelle responsabilità che si sono rivelate capaci di far risorgere dalle ceneri del degrado un quartiere, portandone alle stelle le attività economiche e sociali. Così quel Borgo è divenuto “Bello” a tutti gli effetti.
Merito del fondatore e storico presidente Orfeo Ambrosi che non si sfila ma dice: “Credo nelle capacità di Luana e le sarò accanto in tutte le iniziative che vorrà assumere”. Luana Cenciaioli, studiosa di rango, è da poco andata in pensione, ma non rinuncia certamente allo storico dinamismo che ha sempre connotato le sue attività culturali. Accanto al ruolo di direttrice scientifica dell’Associazione ponteggiana “Velimna, gli Etruschi del Tevere” della quale è da sempre (con Agnese Massi Secondari) consulente, oggi ha la responsabilità della massima Associazione cittadina.

Quali le prime iniziative che intendi mettere in cantiere?

“Una trilogia di grande significato, di carattere sociale”.

Come si chiama?

“Un tris di ‘spesa sospesa’, ‘giocattolo sospeso’ e ‘calza… appesa’. Mi spiego. La spesa solidale con cessione di beni e servizi, a favore di persone con scarsa disponibilità economica.  Un giocattolo portato da chi può (bimbi o adulti) a favore dei bambini in stato di bisogno. E poi… non solo calze della Befana. Ma un’attività creativa di colorazioni e disegni ad argomento legato alle festività. Questi elaborati infantili verranno poi esposti al Palazzo della Penna, Museo civico di arte contemporanea, come veri capolavori d’arte. Non è un caso che Picasso abbia detto: ‘Ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino’. Siamo d’accordo con l’assessore alla Cultura Leonardo Varasano per esporli e valorizzarli”.

Quali i target destinatari delle iniziative?

“Le fasce deboli della popolazione. Penso non solo ai bambini, ma anche agli anziani, assai numerosi in Borgo XX Giugno. Occorre affiancarli, coinvolgerli, soddisfare la voglia, e il bisogno, di protagonismo di ognuno”.

Quali altri problemi sui quali intervenire?

“Una questione che coinvolge specialmente la fascia giovanile è quella delle tossicodipendenze. Occorre seguire, sensibilizzare, venire incontro alle esigenze di tutti, attribuire ruoli positivi-propositivi, far scoprire o riscoprire una socialità matura, il senso pieno di comunità. Quando arriva la repressione, tutto è perduto. Occorre prevenire, informare, incoraggiare, cercare e trovare soluzioni perché certi problemi sono di tutti”.

E la cultura?

“Come ben sai, le attribuisco un’importanza fondamentale. Fortunatamente nel rione ci sono tre teatri (Sacco, Figura, Bicini), l’Auditorium Marianum, Associazioni (oltre alla nostra, il Distretto del Sale, il Circolo del Tempobono), il Manu, l’Archivio di Stato… una molteplicità di risorse, fatte di strutture e individui, che possono facilitare l’accesso alla cultura, declinata nella molteplicità di forme e interessi. Pensiamo anche alle emergenze monumentali che non sto a ricordare. E poi, la casa natale di  Gerardo Dottori, le Fornaci Angeletti Biscarini di via del Laberinto, le vie dei Monasteri e così via”.

Come avviene il passaggio di testimone con Ambrosi? So che è stato lui a volerti...

“Con Orfeo intratteniamo un rapporto pluriennale di amicizia e collaborazione. Mi ha assicurato che non farà mancare il suo fattivo sostegno”.

Ambrosi ha dichiarato tempo fa all’Inviato Cittadino: “Sebbene non residente nel quartiere, Luana ne conosce i problemi fin nelle minime sfumature. Anche in forza degli anni di presenza al Museo. Sono contento che abbia accettato la nomina. È stata per anni un solido punto di riferimento del Museo e del quartiere. Con lei abbiamo condiviso tante iniziative. Passata la tempesta del covid, realizzeremo belle cose, come abbiamo fatto in passato”.

Auguri, Luana, per questa nuova, impegnativa avventura. L’Inviato Cittadino non nutre dubbi sul fatto che farai bene, come sempre hai fatto. Apprezzo la tua attenzione agli anziani e ai bambini. La mostra dei disegni sarà bellissima. Auguri, Luana, di buon lavoro. Io ci sarò a seguirti, come sempre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento