Il Blog di Franco Parlavecchio - La strage di Corinaldo è una lezione per figli, genitori e disco

Perché affermare che la tragedia del locale di Corinaldo sia stato un dramma annunciato purtroppo è quasi sconer favore non dimentichiamoci di quei ragazzi morti schiacciati sotto la pressione dei coetanei, non trascuriamo che potevano essere salvati. Sì, ptato. Sì, perché quando organizzi una serata senza rispettare le norme minime sulla sicurezza, stampi il doppio o il triplo dei biglietti rispetto alla reale capienza del locale, se permetti di far scorrazzare bande di incivili in un posto assiepato, la tragedia è dietro l’angolo. E non diamo la colpa allo spray al peperoncino, perché il problema non è l’oggetto ma come è stato usato. Poteva essere un coltello o qualsiasi altro oggetto offendente. Tutto questo è accaduto senza alcun controllo e speriamo non finisca senza colpevole.

Sarebbe lecito domandarsi come mai tanti minorenni fossero presenti fino a tarda notte in quel locale, e se questo avvenga regolarmente in chissà quanti altri posti senza alcuna sicurezza.  Sarebbe normale domandarsi come mai la SIAE sia così attenta ai controlli dedicati ai pezzi che vengono trasmessi durante la serata, ma non si renda conto dei tanti biglietti stampati in più in modo assolutamente irregolare.

Sarebbe lecito capire perché chiamano “concerto” la comparsata di un tipo per tre “canzoni”.Non mi sembra corretto condannare il “cantante” per quella maledetta serata ma sarebbe giusto chiedersi come mai ci sia gente che riesce ad ascoltare pezzi campionati accompagnati da testi (provate a leggerli) così vuoti ma anche sgradevoli da assomigliare ad un sacchetto di vomito.La tragedia non è la causa di tutto questo ma è l’effetto dello schifo che ci gira intorno. E per favore non mi dite che la musica è sempre stata così perché questa volta non parliamo di cultura ma solo di suoni buttati a casaccio.

La musica è un’altra cosa.Sono andato a centinaia di concerti, tutti metal, quelli dei brutti sporchi e cattivi, e non ho mai assistito neanche ad un mezzo incidente. C'erano solo persone che avevano voglia di divertirsi e di ascoltare buoni pezzi suonati veramente ed accompagnati da un certo spirito di solidarietà. Forse anche questo fa la differenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento