menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo ventidue anni dalla sua istituzione, il G20 è quest'anno coordinato per la prima volta in assoluto dall'Italia

Il professor Franco Cotana sarà membro del comitato scientifico di esperti, nominato con DM 18/01/21 n. 17: "Insieme ad altri sette colleghi mi sto occupando del tema Ambiente (Planet) a supporto del G20 Ambiente"

Dopo ventidue anni dalla sua istituzione, quest’anno è la prima volta in assoluto che l’Italia coordina il G20.

Parola del professor Franco Cotana.

Che esordisce: “Creato nel 1999, dopo una serie di crisi finanziarie, il  Gruppo dei G20 è il forum  internazionale che riunisce le 20 principali economie del mondo. I Paesi che ne fanno parte rappresentano più dell’80% del PIL mondiale, il 75% del commercio globale e il 60% della popolazione del pianeta”.

Quali gli appuntamenti qualificanti?

“Il G20 prevede lo svolgimento di un Vertice finale, con la partecipazione dei Capi di Stato e di Governo, e la sottoscrizione di documenti comuni, con  strategie condivise, proposte e negoziate nel corso di un intero anno dal Paese che coordina. Quest’anno 2021 tocca a noi”.

Su quali temi?

“Tre sono i temi che il G20 a guida Italiana è chiamato ad affrontare: Salute, Ambiente e Economia  (in inglese espressi dalle  tre PPeople, Planet, Prosperity); da qui il G20 si suddivide nei tre gruppi di lavoro G20 Salute, G20 Ambiente e G20 Economia”.

Cosa accadrà nel corso del 2021?

“Si svolgeranno numerosi eventi speciali e incontri istituzionali tra Gruppi di Lavoro e riunioni interministeriali”.

Chi ne farà parte?

“I Gruppi di Lavoro sono composti da esperti, chiamati ad affrontare le tematiche di rispettiva competenza con il compito di riportarle, successivamente, all’attenzione dei relativi Ministri, al fine di convergere su obiettivi di sviluppo comuni”.

Un impegno lungo e oneroso, vero?

“Un anno di incontri ed eventi istituzionali dedicati ai grandi temi dell’Agenda Globale e che culminerà nel Vertice dei leader del G20, in programma dal 30 al 31 ottobre a Roma”.

Tu stesso sarai della partita?

“Esattamente. Come membro del comitato scientifico di esperti, nominato con DM 18/01/21 n. 17, insieme ad altri sette colleghi mi sto occupando del tema Ambiente (Planet) a supporto del G20 Ambiente, guidato dal direttore generale della direzione Economia Circolare del Ministero della Transizione  Ecologica MITE ing. Laura d’Aprile, in qualità di Alto Rappresentante del Ministro dell’Ambiente italiano”.

Quali le potenziali ricadute del tuo lavoro?

“La tutela dell’ambiente e del clima rientrano tra i capisaldi dell’Agenda della presidenza italiana e ciò consentirà di dare un forte impulso alle politiche di lotta al cambiamento climatico e di promozione della transizione ecologica, anche supportata dalla finanza sostenibile. Si tratta di temi che vedono al centro il mondo dell’edilizia, dell’immobiliare e più in generale dell’ambiente costruito”. 

Un anno decisamente significativo.

“Il 2021 sarà per l’Italia un anno importante: non solo per la presidenza italiana del G20, ma anche perché il nostro Paese sarà organizzatore della Pre-COP 26 a Milano, quindi di tutti gli eventi preparatori che precederanno la Conferenza ONU sul clima, avvenimento che successivamente si svolgerà a Glasgow”.

Al tuo Gruppo di lavoro sono affidati compiti importanti, vero?

“Il Gruppo di Lavoro di cui faccio parte, composto da otto esperti tra cui Marco Mari e Leonardo Becchetti, dovrà affiancare la presidenza del G20 Ambiente, avendo cura di sostenere le posizioni negoziali italiane in determinati settori prioritari. Un rilevante impegno che si concluderà il prossimo 22 luglio a Napoli, quando si terrà la riunione finale del G20 Ambiente”.

Quali i filoni della nostra proposta?

“La proposta Italiana per il G20 Ambiente è molto ambiziosa e si sviluppa su tre macro aree: il primo è “biodiversità e capitale naturale”, il secondo “economia circolare, produzione e consumo sostenibile”, il terzo è “finanza sostenibile”.

Come Studium Perusinum abbiamo un prototipo speciale da proporre. Ne parleremo in un prossimo servizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento