menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, scuole primarie aperte a Perugia: "Momento importante per i nostri studenti"

Il vicesindaco Tuteri: "Invitiamo le famiglie al rispetto di poche ma essenziali  regole di prevenzione al Covid-19"

Scuole primarie aperte a Perugia. La nuova ordinanza della presidente Donatella Tesei, la numero 25 del 19 marzo, valida fino al 6 aprile, spiega la Regione Umbria, dispone che "si svolgeranno in presenza le attività dei Servizi socioeducativi della prima infanzia (0-36 mesi), i servizi educativi della scuola dell’infanzia (sino a 6 anni) e le lezioni delle scuole Primarie nei comuni dei distretti sanitari la cui media territoriale di contagi settimanali non supera i 200 casi ogni 100 mila abitanti (esclusi i Comuni che pur facendo parte dei suddetti distretti evidenzino un incremento critico individuato dalla Sanità). Si svolgeranno ancora con didattica a distanza le lezioni delle scuole Secondarie di Primo e Secondo grado in tutto il territorio regionale, nonché quelle delle scuole Primarie nei distretti sanitari con una incidenza media maggiore a 200/100mila abitanti". 

Il vicesindaco Gianluca Tuteri, con una nota del Comune di Perugia, "vuole ricordare a tutte le famiglie alcune semplice regole a tutela di tutta la comunità". E ancora: "Ritornare alla didattica in presenza dopo questo lungo periodo è  un momento importante per i nostri studenti, un passo verso una ritrovata socialità e un avvicinamento alla normalità. Affinché ciò avvenga in sicurezza - sottolinea Tuteri - invitiamo le famiglie al rispetto di poche ma essenziali  regole di prevenzione al Covid-19: l’uso della mascherina, il distanziamento sociale e l’igiene da applicare con attenzione anche  fuori l’ambiente scolastico, l’opportunità di effettuare tamponi antigenici gratuiti presso le farmacie del territorio, verificare con attenzione l’insorgenza di sintomi o segni di malattia dei propri figli comunicandoli al proprio medico senza inutile attese". 

Per il vicesindaco sono "poche e semplici regole che potranno permettere il superamento di questo momento ancora estremamente delicato e critico per la salute di tutti e consentiranno a tutti i nostri studenti di terminare  l’anno scolastico nelle proprie scuole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento