Attualità Todi

"Le nobildonne che fecero l'impresa" sbaraglia tutti e vince la fase interregionale delle Olimpiadi del patrimonio

Tre ragazze del liceo Jacopone da Todi, indirizzo classico, presentano un video che ripercorre la committenza delle donne Baglioni a Raffaello

“Le nobildonne che fecero l’impresa” è un duplice omaggio: alle donne, sia quelle protagoniste della storia narrata che della Storia, e al genio di Raffaello, oltre che un omaggio al film di Pupi Avati girato a Todi, patria elettiva del regista.

Il titolo è quello di un breve video realizzato da tre studentesse del liceo “Jacopone da Todi”, indirizzo classico, Benedetta Brugia, Martina Crisanti e Beatrice De Monaco, con il tutoraggio delle docenti di Storia dell’arte Cinzia Cardinali ed Elena Pottini, che è risultato primo nella fase interregionale delle Olimpiadi del patrimonio, superando le squadre dell’Isis “B. Varchi” di Montevarchi (AR), dell’Isis “Il Pontormo” di Empoli (FI) e dell’Istituto Omnicomprensivo (Liceo classico e Liceo scientifico) di Larino (CB).

È il secondo anno che l’istituto tuderte vince la fase regionale, anche se quest’anno il successo arriva nel pieno dell’emergenza sanitaria da Covid-19, con le lezioni a distanza e le oggettive difficoltà a portare a termine un progetto collaborativo come questo.

Le nobildonne che fecero l'impresa-3“Il liceo 'Jacopone da Todi' è lieto di comunicare la vittoria della propria squadra, per il secondo anno consecutivo, nella selezione interregionale (Molise-Toscana-Umbria) delle “Olimpiadi del patrimonio”, manifestazione nazionale giunta alla XV edizione, promossa, con il sostegno del Ministero dell’Istruzione, dall’Associazione nazionale insegnanti storia dell’arte (Anisa), e indirizzata agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado per la valorizzazione della loro formazione culturale rispetto alla straordinaria ricchezza e varietà delle testimonianze storico-artistiche, monumentali, architettoniche e paesaggistiche disseminate sul territorio italiano - scrive il dirigente scolastico Sergio Guarente -

L’edizione di questo anno scolastico ha proposto, in occasione del cinquecentesimo anniversario della morte dell’artista, il tema ‘Raffaello e i suoi’, nell’intento di concentrare l’attenzione sul multiforme ingegno del maestro e sul suo rapporto con gli allievi e con gli intellettuali della corte pontificia”.

Le tre studentesse hanno realizzato “Le nobildonne perugine che fecero l’impresa”, un video in cui indossati i panni di Ilaria, Alessandra e Atalanta Baglioni, nobildonne perugine che commissionarono altrettante opere a Raffaello: la Pala di Sant’Antonio o Colonna, la Pala degli Oddi o Assunzione e la Deposizione Borghese o meglio il Trasporto di Cristo o Pala Baglioni (opere che sono state portate via da Perugia nel corso del tempo). Intervistate da una giornalista (una delle ragazze) le tre dame hanno raccontato la genesi delle opere e cosa rappresentano. Come nel caso della Pala Baglioni, nata dal dolore di Atalanta, madre del trucidato Grifonetto, a sua volta partecipe nella congiura delle “nozze di sangue”, la faida familiare che quasi sterminò i Baglioni.

“Il liceo si complimenta vivamente con le bravissime studentesse, che si cimenteranno nella finale nazionale a Roma, e con le professoresse Cinzia Cardinali ed Elena Pottini, docenti di Storia dell’arte che hanno preparato la squadra con grande competenza e passione – prosegue la nota del dirigente scolastico - un sentito ringraziamento va anche alla signora Pierangela Annoni, che ha procurato i vestiti d’epoca per il video, e all’assessore alla Cultura del Comune di Perugia Leonardo Varasano, che ha fornito alcuni scatti all’interno della chiesa perugina di San Francesco al prato (dove si trovava la Pala Baglioni”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le nobildonne che fecero l'impresa" sbaraglia tutti e vince la fase interregionale delle Olimpiadi del patrimonio

PerugiaToday è in caricamento