Vigili del fuoco e forze dell'ordine, "eroi solo a parole?" Per 5000 lavoratori lo stipendio sarà più "leggero"

Cgil e Silp Cgil di Perugia denunciano la sospensione del bonus di 80 euro per le lavoratrici e i lavoratori del comparto Sicurezza e Soccorso Pubblico,

Mentre l'Italia sprofonda tra emergenze legate al clima e ripetuti eventi sismici, tutta la popolazione italiana riconosce ai Vigili del Fuoco, a tutte le forze dell'ordine e all'esercito professionalità, dedizione e grande generosità. Un valore riconosciuto anche dalla politica e dalle istituzioni, a partire dal Presidente della Repubblica, "ma che purtroppo si perde quando si parla di diritti e di riconoscimento salariale".

"Dal mese di gennaio, infatti, per circa 5000 appartenenti alle Forze Armate, ai Vigili del Fuoco e alle forze di Polizia la retribuzione sarà più leggera, per effetto della sospensione del contributo straordinario di 80 euro mensili riconosciuto a questi lavoratori dalla legge di stabilità del 2016 e ora sospeso". A lanciare l'allarme, Cgil e Silp Cgil di Perugia, che denunciano la sospensione del bonus di 80 euro per le lavoratrici e i lavoratori del comparto Sicurezza e Soccorso Pubblico. Mentre permangono forti carenze di organico.

Parliamo di lavoratori che operano in condizioni di emergenza estrema e che sono già in attesa da ben 7 anni del rinnovo del contratto nazionale, o per quanto riguarda le forze di polizia, attendono addirittura da 16 anni il riordino delle carriere. Dunque: stipendi bloccati e dotazioni organiche insufficienti a coprire nuove e urgenti necessità. Nella Questura di Perugia, per fare un esempio, nell'ultimo anno si è registrata una riduzione del personale per pensionamenti di ben 20 unità, a fronte del reintegro di sole poche persone".

"Il Questore di Perugia, nell'applicazione un decreto ministeriale, ha intensificato i servizi di controllo del territorio- continuano in una nota- un’azione di cui condividiamo l'esigenza e l'importanza, ma che non può andare ad intaccare l'attività investigativa degli altri uffici, né portare a spostamenti di personale da un ufficio ad un altro. È essenziale pertanto che si rinforzi l'attuale organico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Al Sindaco del Comune di Perugia e alla Presidente della Regione dell'Umbria chiediamo quindi un intervento urgente nei confronti del Ministero degli Interni, per ripristinare gli 80 euro mensili, per definire il nuovo contratto nazionale, che garantisca un adeguato trattamento a tutte le forze dell'ordine, e per adeguare le dotazioni organiche della polizia”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 6 agosto: altri tre positivi, aumentano i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento