Caso Ceri, filma gli assembramenti durante i controlli: minacce e insulti. "Qui stanno dando di matto"

Il video sta facendo il giro del web. L'addetto alla sicurezza alla radio chiede anche l'intervento dei colleghi

Foto degli assembramenti

Minacce, insulti e anche un tentativo di strappargli di mano il telefonino con il quale filmava, per lavoro e senso del dovere, gli assembramenti di tutti i tipi in centro a Gubbio nel giorno dei Ceri, rigorosamente annullati. Tutto questo anche in piena fase di pandemia di Coronavirus e a pochi giorni dal ritorno graduale (il 18 maggio) alle aperture dei negozi e del lavoro in genere. Il video, quello che fa più male, sta facendo il giro delle chat e dei social. Protagonista un adetto alla sicurezza, molto probabilmente un vigile urbano in borghese. Il filmato inizia quando sono già in corso i controlli del Carabinieri e dei Carabinieri Forestali.

Viene chiamato alla radio per risalire la strada in direzione dei controlli. Il cammino si interrompe quando si imbatte in una ventina di persone che stanno cantando e brindando, senza protettivi, senza nessuna distanza sociale, ma con il bicchiere sulle mani. Lo riconoscono. Vedono il cellulare e lo fermano. Apparentemente è una sorta di iniziativa goliardica: incominciano a cantare praticamente addosso all'uomo. Ma è chiara l'intenzione:  far interrompere il filmato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi inizia il delirio. Insulti, minacce di botte. "Sei de Gubbio...levate dai...te passo un battuto...". E altro ancora. Alla radio chiama i rinforzi e ammette preoccupato: "Venite su, venite su... qui stanno dando di matto". La richiesta di rinforzi fa addirittura imbestialire il vasto gruppo. A far scattare l'ennesimo accerchiamento è un uomo distinto che armato di bicchiere si avvicina cantando a modo di sfida. Arrivano altri e si avventano sul cellulare come dimostra il filmato che praticamente viene interrotto. Solo l'audio permette di registrare quello che sta accadendo. Altre minacce, altre parole assurde. Poi tutto si blocca. Nessuno che cerca di riportare alla calma magari difendendo l'uomo. Il video però permette di identificare tutti gli autori. Ora tutto è in mano agli inquirenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Ospedale di Perugia, tre infermieri e due pazienti positivi al coronavirus: asintomatici e in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento