rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Norcia

Uccide l'amico con un pugno all'uscita dal pub, condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione

Cristian Salvatori è stato giudicato con il rito abbreviato e condannato per l'omicidio preterintenzionaledi Emanuele Tiberi. Il giudice dispone una provvisionale di 100mila per i familiari

Cristian Salvatori è stato condannato a cinque anni e 4 mesi di reclusione per l'omicidio preterintenzionale di Emanuele Tiberi, il 32enne nursino ucciso da un pugno. A salvatori sono state riconosciute le attenuanti generiche per essere incensurato. Condannato anche al pagamento 100mila euro di provvisionale per i genitori e ai fratelli della vittima. L'imputato aveva scelto il rito abbreviato.

Secondo la difesa, sostenuta dagli avvocati David Brunelli e Francesco Crisi, Salvatori avrebbe sferrato il pugno mortale ad Emanuele al culmine di una specie di "gioco" tra i due; la famiglia aveva contestato tale tesi, ritenendo che la vittima sarebbe stata raggiunta da un colpo da dietro. I familiari si so affidati agli avvocati Giovanni Ranalli e Andrea Andreini.

Il pubblico ministero Vincenzo Ferrigno aveva chiesto una condanna ad 8 anni di reclusione non ritenendo valida la tesi difensiva del gioco finito male.

Salvatori era stato scarcerato a dicembre e gli era stato imposto l'obbligo di dimora in una struttura nel Riminese.

Le motivazioni della sentenza emessa dal giudice Margherita Amodeo saranno depositate tra 90 giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide l'amico con un pugno all'uscita dal pub, condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione

PerugiaToday è in caricamento