Sparatoria Ponte Valleceppi: "L'amica voleva proteggere Ilaria e il suo bimbo"

Ilaria Toni, l'amica dell'ex compagna dell'aggressore, sta meglio ed è fuori pericolo. Ha raccontato la sua versione dei fatti anche alla Presidente Marini che si è recata in Ospedale: "Serve una nuova educazione sentimentale"

Sta meglio ed è fuori pericolo Ilaria Toni, la 34enne amica di Ilaria Abbate, rimasta coinvolta nella sparatoria progettata e attuata da Riccardo Bazzurri, deceduto dopo essersi sparato un colpo alla testa. La donna, dopo l'operazione al volto, è cosciente ed ora il pericolo maggiore è quello dell'aspetto psicologico dopo aver vissuto un dramma così forte. Ilaria Toni è stata visitata dal presidente Catiuscia Marini che ha confermato i progressi della 34enne dopo l'operazione chirurgica.

"Con Ilaria - ha spiegato la Marini che ha donato un mazzo di fiori alla paziente - ho potuto parlare e capire il contesto in cui tutto questo è nato. Che è anche un contesto di una relazione malata tra un uomo e una donna. Con l'amica dell'ex compagna dell'aggressore che ha cercato in tutti i modi di sostenerla e di aiutarla psicologicamente. Con la volontà di proteggerla insieme al bambino. Forse ha intuito che alla sua amica poteva accadere qualcosa di grave ma non ha fatto in tempo a metterla in sicurezza". 

La Presidente ha invitato tutti a riflettere su questo dramma e sui rapporti sentimentali anche dopo una separazione o la fine di una storia: "Bisogna capire cosa fare perchè le relazioni sentimentali amicali tra uomini e donne non siano malate. Situazioni nelle quali ci fermiamo solo il giorno dopo a riflettere. Bisogna fare quel lavoro culturale di lunga lena, anche con il supporto delle istituzioni, nelle scuole e nelle famiglie. Con una educazione anche sentimentale di questi giovani".

C'è stata anche una veloce visita ad Ilaria Abbate, la mamma ed ex compagna dell'aggressore, che versa in condizioni difficilissime e servirebbe un miracolo per evitare la morte o danni permanenti dopo il colpo di pistola alla testa a bruciapelo. La Presidente Marini ha avuto espressioni di conforto e di solidarietà per il fratello della Abbate che è al capezzale della sorella, avendo i genitori raggiunto il nipotino al Meyer di Firenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine la Governatrice ha voluto fare i complimenti a tutta la struttura ospedaliera per il lavoro svolto in questa situazione difficile ma anche per quello quotidiano. Insieme a lei c'era anche dal Direttore Generale del S.Maria della Misericordia Walter Orlandi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento