menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia, scritta shock: "Macerata è solo l'inizio", sfregio sotto il quadro di Paolo Vinti

Indagini in corso per il cartello in via Cartolari

Una scritta shock nel cuore di Perugia: “Macerata non è che l’inizio”, piazzata in via dei Cartolari sotto al ritratto di Paolo Vinti, l’intellettuale di sinistra scomparso qualche anno fa.

Il riferimento è alla follia di Luca Traini, l’esponente di estrema destra che ha sparato e ferito sei immigrati a Macerata.  Ora indagano i carabinieri di Perugia e la Digos. Il cartello è stato sequestrato dopo che un cittadino ha lanciato l'allarme e allertato le forze dell'ordine. 

LA CONDANNA "Macerata è solo l'inizio", scritta shock in via Cartolari. Marini: "Atto odioso" 

La condanna della presidente Marini: “È un atto davvero grave che va condannato con fermezza e senza alcun indugio”, spiega la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini.  “Sono fiduciosa e certa che il lavoro delle Forze dell'Ordine permetterà di individuare i responsabili di questo gesto. La gravissima vicenda di Macerata – dice - impone a tutti un’assunzione di responsabilità, nonché la fermezza nel condannare qualsiasi atto o comportamento teso ad alimentare violenza e odio razziale”. E ancora: “L'atto di Via Cartolari a Perugia, inoltre, appare ancor più odioso – conclude - se si considera che è stato commesso a sfregio dell'immagine di Paolo Vinti, personaggio che si è caratterizzato e speso in tutta la sua vita sui temi della pace e della non violenza”.

 

Rifondazione comunista di Perugia, invece, “esprime sdegno e disprezzo per l'autore della frase trovata stamattina in via Cartolari, quel “Macerata non è che l'inizio” è un insulto alla storia antifascista di Perugia, frase ancor più disgustosa perché scritta appena sotto il manifesto dedicato al compagno Paolo Vinti, poeta che nelle sue declamazioni ha sempre ricordato i valori della pace, dalla fratellanza e dell'amore”. E ancora: “Per fortuna – spiega Oscar Monaco, segretario provinciale di Rifondazione comunista di Perugia - , di fronte all'imbecillità dei fans del fascista che ha seminato il panico a Macerata, che si autoproclamano vendicatori della ragazza barbaramente uccisa pochi giorni prima, ci sono le parole cariche di dignità della madre: “Chiediamo solamente giustizia. Pene esemplari per chi ha ucciso e fatto a pezzi nostra figlia. Ma condanniamo fermamente l’attacco di ieri, non siamo razzisti e anche Pamela se fosse ancora viva sarebbe inorridita per questo atto di odio”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento