Pugni in faccia al cassiere dopo il furto, arrestato per rapina a Spoleto

L'episodio in un supermercato. L'uomo vistosi scoperto ha aggredito il personale e tentato di fuggire

E’ stato convalidato l’arresto di un trentacinquenne di origine marocchine resosi responsabile di tentata rapina ai danni di un supermercato di Spoleto.

L’uomo, in evidente stato di ubriachezza, era entrato poco prima nell’esercizio commerciale e, tentando di non farsi notare, aveva rubato della merce in esposizione al reparto di profumeria.

Vistosi scoperto, anziché restituire il maltolto, colpiva al volto un addetto alle vendite, il quale rovinava contro gli scaffali del supermercato – facendo cadere in terra decine di prodotti in esposizione -  venendo immediatamente trasportato all’ospedale per le cure del caso.

Altri clienti presenti all’interno del negozio – piuttosto affollato a quell’ora –  hanno immediatamente allertato sia i Carabinieri che la Polizia di Stato.

Nel frattempo il 35enne cercava di dileguarsi mentre, alcuni dipendenti, tentavano invano di bloccarlo, venendo anche minacciati dallo stesso.

Sul posto sono intervenuti due equipaggi in servizio di controllo del territorio – una Volante della Polizia di Stato del Commissariato di Spoleto ed un Pattuglia del Nucleo Operativo Radio Mobile della Compagnia Carabinieri di Spoleto che hanno intercettato il rapinatore, proprio mentre fuggiva dal supermercato.

Nonostante la resistenza opposta dal 35enne, gli operatori riuscivano a trarlo in arresto per i reati di rapina, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni dolose.

Le successive indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Spoleto hanno permesso di acclarare come il 35enne, negli ultimi tempi, si sia reso responsabile di altri reati, anche contro il patrimonio, nel territorio spoletino.

Al termine delle attività di rito l’uomo veniva messo a disposizione dell’autorità giudiziaria presso la casa di reclusione di Maiano; successivamente, Il giudice del Tribunale di Spoleto, disponeva la convalida dell’arresto e la misura della custodia in cautelare carcere in attesa del processo.

Nel frattempo l’Ufficio Immigrazione della Questura di Perugia ha avviato l’iter per le valutazioni inerenti la pericolosità del soggetto al fine di procedere una volta terminata la pena alla sua definitiva espulsione dal Territorio Nazionale.

Grande soddisfazione nel rilevare i risultati operativi conseguiti in perfetta sinergia tra Arma dei Carabinieri e Polizia di Stato.

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Tragico incidente a Castiglione del Lago, schianto tra una moto e un camion: Luca muore a 37 anni

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento