Cronaca

Si può scaricare la nuova PerugiaInApp: percorsi urbani ed extraurbani (a piedi) per riscoprire l'acropoli

Uno strumento di visita indispensabile per conoscere e rivivere la storia della città che si rivolge al turista, al residente, ma anche ai professionisti del turismo

Un nuovo modo di scoprire Perugia grazie ad un progetto innovativo che fa leva sulla sua forte identità legata all’arte e alle bellezze paesaggistiche. Tutto grazie alle nuove modalità di fruizione turistica - culturale e all’accoglienza turistica diffusa, aggiornata ai nuovi approcci multimediale ed esperienziali, quali le tecnologie 4.0 e la Realtà Aumentata (AR). Questo è l’obiettivo dell’ambizioso progetto “Perugia InApp”, fortemente voluto dall’assessorato al Turismo del Comune di Perugia, che si propone di arricchire l’esperienza di visita ricorrendo ad una applicazione AR con un impatto immersivo e coinvolgente.

Uno strumento di visita indispensabile per conoscere e rivivere la storia della città che si rivolge al turista, al residente, ma anche ai professionisti del turismo, come le guide, che potranno usarlo e farlo utilizzare ai propri gruppi per un’esperienza di visita immersiva e completa. Perugia InApp è stata presentata alla città alla presenza del Sindaco Andrea Romizi, dell’assessore comunale al Turismo, Marketing territoriale e Sviluppo economico Gabriele Giottoli, dell’assessore regionale allo Sviluppo economico e Infrastrutture digitali Michele Fioroni, di Michela Sciurpa, Amministratore Unico di Sviluppumbria e di Gabriele Lena, responsabile tecnico del progetto, in rappresentanza dell’azienda umbra Int. Geo. Mod, specializzata in marketing territoriale, che ha realizzato l’app. 

Perugia InApp si compone di sette itinerari di visita consigliata nell’acropoli (Rocca Paolina, Perugia centro, Rione Porta Sole, Rione Porta Santa Susanna, Rione Sant’Angelo, Rione Porta Eburnea, Rione San Pietro) con oltre 14 km di percorsi a piedi e 160 punti di interesse urbani. A questo si aggiunge una sezione dedicata agli itinerari extraurbani, con 4 percorsi fuori le mura che permettono un viaggio che arriva e tocca le zone più caratteristiche fino al Lago Trasimeno, coprendo 800 km quadrati di territorio con 275 km di tour extra urbani. I percorsi guidati, da percorrere in auto ma in alcuni casi anche in bici, sono: itinerario Trasimeno, itinerario Settevalli, itinerario Silvestre, itinerario Tevere.

Il progetto ha ricevuto un contributo finanziario dalla Regione Umbria nell’ambito dell’avviso per il sostegno alla realizzazione dl progetti di valorizzazione e sviluppo dell'offerta territoriale e dei servizi ad essi connessi (POR FESR 2014-2020 - Azione 8.7.1) ed è cofinanziato dal Comune di Perugia. “Si tratta – ha spiegato l'assessore Giottoli - di un processo aperto, che fa parte di una visione innovativa del turismo, fondata su tre pilastri –tecnologie digitali, accoglienza e segnaletica- integrati tra loro per offrire un’esperienza unica al turista che arriva in città.” Di nuova economia digitale applicata al turismo ha parlato anche l’assessore Fioroni, che ha confermato il sostegno della Regione a progettualità come quella che sta dietro a Perugia inApp, da considerarsi una best practise territoriale.

Perugia InApp è una applicazione gratuita per dispositivi Ios/Android ad alta capacità di interazione con l’utente (realtà aumentata, geolocalizzazione, mappa
degli itinerari, navigatore, utilizzo di bluetooth per percorsi turistici indoor). La particolarità di questo sistema è la possibilità per il visitatore di scaricare un’unica App che gestisce visite guidate, percorsi cittadini ed esperienze outdoor contemporaneamente e che riesce ad interfacciarsi con altre infrastrutture tecnologiche online implementandosi continuamente, basandosi su un sistema open data. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si può scaricare la nuova PerugiaInApp: percorsi urbani ed extraurbani (a piedi) per riscoprire l'acropoli

PerugiaToday è in caricamento