Palio di Bastia, la Giuria tecnica scegli bozzetto per il palio: vince l'opera del tandem Bartolini-Masci

Per la prima volta, quest’anno è stata anche introdotta una Giuria Tecnica composta da componenti dell’Ente Palio e da artisti professionisti qualificati

Dopo un’attenta e scrupolosa analisi delle opere degli artisti, la Giuria Tecnica dell'Ente Palio di Bastia ha decretato il vincitore di quest’edizione per il drappo da destinare al vincitore scegliendo l’opera del tandem Fabrizio Bertolini e Marcello Masci di Bastia Umbra.  Nel ringraziare tutti gli artisti che hanno partecipato al bando, l’Ente Palio si è congratulata con i vincitori del concorso ai quali verrà assegnato un premio pari a 500 euro.  Lo Stendardo degli artisti bastioli Fabrizio Bertolini e Marcello Masci sarà presentato durante la cerimonia ufficiale d’apertura del Palio 2019.

"È stato davvero difficile decretare un vincitore - ha affermato Federica Moretti, Presidente dell’Ente Palio e della Giuria Tecnica -  soprattutto perché tutte le opere che abbiamo ricevuto avevano caratteristiche uniche e creative.  Poi, per la prima volta, quest’anno è stata anche introdotta una Giuria Tecnica composta da componenti dell’Ente Palio e da artisti professionisti qualificati. Per questo motivo possiamo garantire che ogni opera è stata studiata e
visionata in modo approfondito e meticoloso.”

NDESCRIZIONE DELL’IMMAGINE DELLO STENDARDO -  L’immagine, realizzata con la tecnica del disegno a sanguigna e del tratteggio, vuole essere un omaggio al genio poliedrico di Leonardo, nel cinquecentenario dalla morte. Al centro dello stendardo è rappresentato l’Arcangelo guerriero San Michele che, scendendo, colpisce con la lancia il demonio e tiene a bada le forze oscure del male, raffigurato come un serpente dalle sembianze di drago.

Le ali sono tante linee di luce con i colori dei quattro rioni (blu, giallo, rosso, verde) e hanno origine dal flusso di forze creative popolari, rappresentate dalle linee colorate in basso. Alle spalle di San Michele si intravede la città di Bastia Umbra con alcuni dei monumenti più rappresentativi: le Chiese di San Michele e Santa Croce, lo stabilimento Petrini e il Conservone. Al centro si stagli il rosone che per metà richiama le forme geometriche di quello della Chiesa del Patrono, mentre per metà il disco solare, simbolo dell’Arcangelo che veglia sulla città. L’asta dello stendardo emerge fisicamente nel piano figurativo dandogli tridimensionalità e tracciando la dinamica traiettoria verticale della discesa dell’angelo. Sul lato sinistro la scritta “Palio de San Michele”, in alto il 57° dell’edizione e in basso l’anno 2019 con gli stendardi dei quattro rioni in ordine alfabetico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 17 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento