menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Branca, intervento anti-tumore all'avanguardia grazie all'immagini in digitale 3D

E’ stato asportato un tumore di 5 centimetri e uno da un centimetro da un paziente minorene salvaguardando la funzionalità dell’organo

Intervento all’avanguardia nel presidio ospedaliero di Gubbio-Gualdo Tadino. L’equipe di Urologia, diretta dal dottor Alessandro Posti ha asportato una massa tumorale di 5 centimetri e una da un centimetro da un paziente minorene. Il paziente era già stato sottoposto ad asportazione radicale di un rene, per un tumore della via escretrice renale, eseguita dalla stessa equipe urologica. Successivamente è stata riscontrata una massa tumorale del rene residuo di circa 5 cm di diametro e una adiacente di 1 cm. Una situazione che, sia per grandezza del tumore che per la sua localizzazione, rendeva molto complessa la chirurgia conservativa. Con l’ausilio della ricostruzione delle immagini in digitale 3D, si è riusciti a pianificare il miglior accesso chirurgico possibile e a rimuovere perfettamente i tumori preservando la funzione renale.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento