menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce con un braccio paralizzato: "Colpa di un grave errore dei medici"

Una nuova causa in ambito sanitario arriva sui banchi del tribunale di Perugia. Una famiglia disperata dopo la nascita del proprio piccolo con una disabilità permanente al braccio. L'equipe medica di Branca respinge le accuse

Una lesione permanente al braccio destro che nessuna operazione chirurgica futura potrà cancellare. L'invalidità è stata riscontrata ad un neonato che era nato nell'Ospedale di Gubbio-Gualdo a Branca e che ora è diventato un caso giudiziario con tanto di avvocati e giudici che dovranno decidere se è stato un errore umano dei medici in sala operatoria oppure soltanto una fatalità inevitabile. 

Il caso è stato raccontato sull'edizione cartacea del Corriere dell'Umbria a firma di Patrizia Antolini. Per i genitori - rappresentati dall'avvocato Paolo Panichi - c'è un stato un grave errore che provocato da una errata manovra durante il parto provocando così una lesione dei nervi e la paralisi del braccio del piccolo che proprio in quegli istanti stava venendo al mondo.

Sul banco degli imputati saliranno 5 medici che fanno parte dell'equipe dell'Ospedale di Branca. I camici bianchi si definiscono totalmente innocenti rivendicando l'assoluta correttezza del proprio operato e la propria professionalità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento