Non consegna gli avvisi di Equitalia e mette nei guai 137 persone, sotto processo il "robin hood" dell'Appennino

Firmava le ricevute delle cartelle esattoriali al posto dei destinatari, oppure scriveva che si erano trasferiti o deceduti. Decine di fermi amministrativi e migliaia di euro di sanzioni

Il territorio era aspro e malamente collegato, oppure aveva deciso di ergersi a paladino dei tartassati da Equitalia, una sorta di Robin Hood contro le esose tasse statali. Fatto sta che non consegnava gli avvisi di pagamento emessi dall’ente incaricato della riscossione, mettendo nei guai 137 persone e finendo sotto processo per falsità materiale commessa dall’incaricato di pubblico servizio.

L’uomo, dipendente di una società privata che gestiva la consegna degli avvisi per conto di Equitalia, difeso dall’avvocato Maria Pia Castellani, è finito davanti al giudice Matteo Cavedoni per aver firmato al posto dei destinatari gli avvisi di pagamento. In altri casi aveva apposto la dicitura “trasferito”. Davanti ad una signora ultra ottantenne aveva fatto un rapido calcolo: tra che rinnovano l’avviso, la mettono in mora e parte la riscossione coatta, passano almeno 5 anni. Di contro l’aspettativa di vita dell’anziana. Sull’avviso aveva scritto: “deceduta”.

E così aveva fatto per 137 volte percorrendo le zone di Sigillo, Costacciaro e Scheggia.

Poi le cose si erano complicate perché Equitalia aveva avviato le procedure di riscossione, di fermo amministrativo delle vetture, di cartelle esattoriali maggiorate delle sanzioni di ritardato pagamento. I contribuenti, inoltre, non avevano potuto aderire ai pagamenti rateali in quanto i termini erano scaduti, così anche quelli di opposizione alla cartella esattoriale.

Dai controlli era emerso che le firme apposte sulle ricevute non erano dei destinatari. Il castello era crollato miseramente e l’uomo era stato indagato e processato per aver firmato o fatto firmare da terzi (rimasti sconosciuti).

Le vittime si sono costituite parte civile tramite gli avvocati Patrizia Pugliese, Ubaldo Minelli, Vittorio Lombardo e Cinzia Frappini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 17 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento